Le 7 meraviglie architettoniche del 2011

Se avete in programma un viaggio nel 2011, sappiate che alcune città stanno per cambiare il loro skyline, con lo zampino di alcuni architetti di fama mondiale, i cosiddetti archistar. Secondo una classifica pubblicata dal Corriere della Sera, sono ben sette le meraviglie architettoniche che sorgeranno quest’anno. Opere mastodontiche, che potrebbero anche cambiare in peggio il look di alcune metropoli. Solo a Londra ne sorgeranno quattro: un nuovo grattacielo-cetriolo, il Cucumber, ideato dall’architetto inglese Robin Partington; il palazzo UBS a Broadgate, opera di Ken Shuttleworth; il condominio extralusso One Hyde Park, di Richard Rogers; la nuova hall della stazione di King’s Cross del gruppo McAslan. E tutto questo senza contare che molte strutture sportive sono in fase di realizzazione e saranno terminate entro il 2012, anno delle Olimpiadi che si svolgeranno proprio nella capitale britannica.

(GUARDA LE 7 MERAVIGLIE ARCHITETTONICHE DEL 2011)

Nel 2011 sorgerà anche il nuovo centro nello Stato del Nuovo Messico, Stati Uniti, adibito ai primi viaggi turistici nello spazio, realizzato da Norman Foster. Nella metropoli di Guangzhou, in Cina, si innalzerà il grattacielo che ospiterà l’International Finance Center, mentre a San Pietroburgo dovrebbe sorgere la torre Gazprom, la cui costruzione è stata molto contestata. Se siete appassionati di grattacieli ed edifici futuristici, restate connessi, di novità ce ne sono sempre tantissime.

Diventiamo tutti astronauti!

gravita-0.jpg

Il 20 luglio 1969, Neil Armstrong, astronauta dell’Apollo 11, poggiò piede sulla Luna. A 40 anni di distanza anche noi possiamo diventare astronauti come lui. O quasi. Nel senso che possiamo fare viaggi ai confini dello spazio. Nella Città delle Stelle, vicino a Mosca, per esempio, si possono trascorrere 3 giorni al Gagarin Cosmonaut Training Center e provare l’effetto ‘centrifuga’ dei cosmonauti (gli astronauti russi si chiamano così) e vivere le sensazioni di una passeggiata nello spazio perfettamente simulata.

MIG-29.jpg

Sempre in Russia, si può volare ai confini dello spazio a bordo di un MIG 31. Negli Stati Uniti, invece, a Cape Canaveral, Florida, al Kennedy Space Center, Nevada, e a San José, California, da dove partono tutti i voli spaziali della Nasa, si può provare cosa significa assenza di gravità sulla Luna e addirittura su Marte.

StarCity.jpg

Se le simulazioni, però, non vi soddisfano abbastanza, potete prenotare un posto sullo SpaceShipTwo della Virgin Galactic che vi consentirà di osservare la Terra da oltre 100.000 m d’altezza!

 

Spazio, ultima frontiera

spazio+penny.jpg

I viaggi del futuro si faranno nello spazio. E in America si stanno già preparando. Nello Stato del New Mexico stanno preparando il primo ‘spazioporto’ al mondo, un aeroporto da cui partiranno i primi viaggi spaziali a bordo di navicelle per i turisti intergalattici. Sono già 300 i passeggeri in lista d’attesa per i primi voli. Costo del biglietto: 200mila dollari! Sarà terminato tra 18 mesi e la prima compagnia che organizzerà i voli sarà la Virgin Galactic a bordo di uno SpaceShipTwo, un aereo-razzo che raggiungerà i 110 km di quota. Ma c’è anche la Blue Origin che si sta dando da fare… Chissà se sono previste anche delle offerte low cost o dei last minute. In questo caso, da vera viaggiatrice come i mitici Roberto VittoriRichard Garriott, potrei anche prenotare un tour sulla Luna. Mi ha sempre affascinato…