Italia preferita per vacanze all’aperto

Cresce la scelta del nostro Paese per trascorrere vacanze all’aperto. Secondo un’indagine condotta dall’Osservatorio sul turismo in camper e all’aria aperta, i turisti amano venire in Italia per il suo mare, i suoi laghi e le sue montagne. La regione preferita dai vacanzieri italiani e stranieri è il Veneto, seguito da Toscana (stranamente non è la prima!), Lombardia e Trentino Alto Adige.

(SFOGLIA LA GALLERY DELLE LOCALITÀ ALL’APERTO PIÙ BELLE D’ITALIA)

L’estate rimane la stagione preferita per le vacanze open air, ma in realtà piacciono tutto l’anno. Le località di mare sono privilegiate (il 36% dei turisti fa vacanze balneari), quelle di lago sono amate dal 25% di chi viaggia in camper o in tenda e le città d’arte sono scelte dal 16% degli intervistati. I turisti dell’aria aperta amano soprattutto Venezia, Verona, Brescia, Trento e il Lago di Garda. Siete d’accordo con loro?

Gli inglesi amano Venezia

I turisti britannici che vengono nel nostro Paese adorano Venezia. Secondo un sondaggio condotto da Skyscanner.it, è la Serenissima la città più bella d’Italia. E’ stata votata dal 28% degli inglesi, scalzando inaspettatamente Roma, che si posiziona solo terza con il 18% dei voti. Al secondo posto, invece, c’è Firenze, che si trova poco dopo Venezia con il 27% delle preferenze.

(GUARDA LE FOTO DELLE CITTÀ ITALIANE PIÙ AMATE DAGLI INGLESI)

La classifica prosegue con Verona, la città di Giulietta e Romeo, al quarto posto (7%), seguita da Milano e Siena (6% dei voti per entrambe), per concludersi con Napoli (5%) e Taormina (2%). Il restante 1% se lo spartiscono le altre città d’arte del Belpaese. Lo stesso sondaggio è stato fatto sulle località turistiche degli altri Paesi europei e ne è sortito che il 42% degli inglesi ama Parigi per la Francia, Barcellona per la Spagna (43%) e Monaco di Baviera (26%) per la Germania. Siete d’accordo con le opinioni degli inglesi?

Arriva la tassa di soggiorno

Da oggi a Venezia entra in vigore la tassa di soggiorno per i turisti. Per una notte si può sborsare fino a 5 euro. Le tariffe cambiano in base alla zona della città lagunare, ai servizi e all’età. Se si soggiorna per più di 5 giorni, però, non si paga nulla. Nessuna tassa per chi alloggia negli ostelli. I Comuni italiani stanno attraversando una crisi economica e l’introduzione della tassa di soggiorno, che dovrebbe entrare in vigore in tutte le località turistiche del Paese dal 2012, poterà alle casse ingenti somme di denaro. La tassa di soggiorno è già stata introdotta a Roma, Milano e Firenze.

(GUARDA LE CITTÀ D’ITALIA IN CUI SI PAGA LA TASSA DI SOGGIORNO)

Anche alle isole Eolie c’è la possibilità che venga istituita una tassa di soggiorno per combattere il turismo mordi-e-fuggi, ma le associazioni degli albergatori non sono d’accordo e preferiscono chiedere un ticket ai turisti che sbarcano sulle isole della Sicilia. Ci sta pensando anche il comune di Matera, la città più turistica della Basilicata nonché Patrimonio dell’Unesco così come la costiera sorrentina. Siete d’accordo con l’introduzione della tassa di soggiorno in Italia?

La Regata Storica della Serenissima

serenissima.jpg

Questo fine settimana, a Venezia non c’è soltanto il Festival del Cinema. Anzi, domenica 6 settembre ci sarà un evento ben più spettacolare e interessante (non me ne vogliano i cinefili!): la Regata Storica della Serenissima. Un evento importante che si è svolto per la prima volta il 10 gennaio del 1315, per volere del Doge Giovanni Soranzo che intendeva dimostrare lo splendore della Serenissima ai politici e ai diplomatici stranieri. Un tempo era la celebrazione delle vittorie militari di Venezia, ora invece la Regata Storica è la dimostrazione della forza e dell’abilità dei veneziani. Imperdibile la sfilata lungo il Canal Grande delle imbarcazioni storiche del XVI secolo condotte in abiti tradizionali, seguita dalle gare di voga alla veneta; un vero e proprio spettacolo di barche e colori.

A Venezia l’aeroporto intelligente

MarcoPolo-Venezia.jpg

L’aeroporto Marco Polo di Venezia è molto avveniristico ed è il primo a venire incontro ai turisti che atterrano nello scalo della Serenissima. Sono state installate alcune postazioni multimediali interattive, in terra e su alcuni totem nei corridoi, chiamate sensitive.FLOOR e sensitive.WALL. Una volta che si cammina sopra una sorta di tappeto o si tocca con la mano lo schermo del totem, questi si animano e danno informazioni turistiche su richiesta in base ai movimenti. In qualunque momento del giorno e della notte si possono avere indicazioni su escursioni turistiche, indirizzi di ristoranti tipici e di hotel in tutto il Veneto, le mappe delle città e numeri di taxi e di mezzi pubblici. Bisognerebbe trovare un nuovo e più moderno soprannome per Venezia a questo punto, no?