L’Italia in figurine

venezia470.jpg

Il meglio delle bellezze italiane raccolte in un album di figurine, in uscita il 20 ottobre. Dal Golfo di Napoli a Piazza Navona, a Roma, passando per la Basilica di San Francesco d’Assisi, senza dimenticare le tre imponenti Cime di Lavaredo. Sono solo alcune tra le attrazioni più affascinanti del Belpaese riprodotte in figurine, per un totale di 192 splendide immagini da raccogliere e conservare.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DELLE BELLEZZE ITALIANE)

Il Patrimonio Unesco in Italia”, questo è il nome dell’album dedicato, appunto a tutti i siti italiani proclamati patrimonio dell’Umanità dall’organizzazione delle Nazioni Unite. In Italia c’è la maggiore concentrazione di bellezze storiche, paesaggistiche e artistiche, ben 47 siti sui 936 selezionati nel mondo dall’Unesco. Lo scopo della raccolta è quello di portare i più piccoli a scoprire le bellezze del nostro Paese, il tutto sotto forma di gioco. A differenza delle famose raccolte di figurine dei calciatori, queste hanno un formato più grande, quasi il doppio. Una bella iniziativa per grandi e piccini.

Unesco: Siviglia fuori dai Patrimoni?

Entro l’anno a Siviglia, in Spagna, sarà ultimata la Torre Cajasol, un grattacielo di 43 piani alto 178 metri, che cambierà completamente lo skyline della città andalusa (GUARDA LE FOTO). Ed è per questo motivo che l’Unesco sta pensando seriamente di togliere Siviglia dalla lista dei patrimoni dell’umanità, nella quale è iscritta dal 1987 per i suoi spettacolari monumenti, come la Cattedrale, la Giralda (la torre campanaria della Cattedrale), l’Alcazar (il palazzo reale, ex forte dei Mori) e l’Archivio delle Indie (un deposito di documenti molto antichi e molto importanti). Il grattacielo è stato progettato dall’architetto internazionale César Pelli, lo stesso che ha ideato l’area di Porta Nuova a Milano, pronta per il 2015, anno dell’Expo.

Se siete stati a Siviglia, sicuramente vi sarete innamorati di questa splendida città. E, in effetti, rovinare il paesaggio è un peccato. E’ anche vero, però, che dall’Esposizione universale che si è tenuta a Siviglia nel 1992 di nuovi edifici, anche moderni, ne sono stati costruiti parecchi, basti pensare al Ponte dell’Alamillo che collega la città all’Isola di Certosa, che è ormai divenuto il simbolo di Siviglia. Voi cosa ne pensate? Ha ragione l’Unesco o è giusto seguire il progresso?