I 10 buchi più strani della Terra

Blue hole, canyon, cenote, il nostro pianeta è un colabrodo. E, dove i buchi non sono stati creati da madre natura, ci ha pensato l’uomo a scavare, creando, talvolta però, delle opere meravigliose. Il ‘buco’ più strabiliante che esista sulla faccia della Terra è il Great Blue Hole, nella barriera corallina del Belize. Un enorme buco perfettamente circolare del diametro di 300 metri e profondo 125. E’ il paradiso dei diver. Il Kimberley Big Hole, in Sudafrica, invece, si trova al centro di un terreno minerario ed è profondo ben 1100 metri. E’ una piscina termale naturale la Morning Glory Pool, nel parco di Yellowstone, negli Stati Uniti.

(GUARDA I DIECI BUCHI PIÙ GRANDI DEL MONDO)

E’ stato fatto dall’uomo nel X secolo il pozzo di Chand Baori, in India, costruito per raccogliere l’acqua piovana. Si possono scendere i 3500 gradini per andare ad attingere l’acqua. Mirny, in Siberia, è la più grande miniera di diamanti all’aperto. Mentre la miniera di Bingham Canyon, nello Stato dello Utah (USA), è il più grande scavo del mondo fatto dall’uomo. Non trovate che il nostro pianeta sia il più meraviglioso dell’Universo?

I 5 luoghi mistici della Terra

isola-di-pasqua-470.jpg

Se avete girato il mondo vi sarete imbattuti certamente in alcuni luoghi che hanno lasciato qualche dubbio in voi. Mi riferisco alla piramidi d’Egitto o ai monoliti di Stonehenge, in Gran Bretagna, per esempio. Ebbene, secondo wachyowl.com sulla Terra esistono almeno cinque siti definiti ‘mistici’ (GUARDA LE FOTO), di cui non si sa nulla di certo e che ancora oggi fanno arrovelare il cervello degli scienziati di tutto il mondo. Il luogo più mistico del mondo sarebbe l’Isola di Pasqua, in Cile, con le sue statue ‘moai’. Costruite dalla popolazione Rapa Nui, di questa non si sa nulla, né da dove venisse e neppure dove sia finita.

Un altro mistero è quello dei cerchi di pietra a Castlerigg, in Inghilterra. Non si sa chi li abbia posizionati, ma la loro composizione riprende il profilo delle colline circostanti. Infine, molti di coloro che sono stati in Messico si saranno domandati come si sono formati i ‘cenote’, quei buchi pieni d’acqua profondi anche centinaia di metri. Nessuno ha saputo dare una risposta, ma, se l’avete, tutto il mondo ve ne sarà grato!