Snorkeling, i 10 migliori spot

st-john-us-virgin-islands470.jpg

Se avete voglia di andare al mare in questa stagione, ecco alcune idee che ho trovato in rete. Il sito di Forbes ha pubblicato la classifica dei dieci migliori luoghi al mondo dove fare snorkeling (GUARDA LE FOTO). Pensate che bello lasciarsi cullare dalle onde guardando sott’acqua con maschera e boccaglio i pesciolini colorati! La maggior parte di questi spot si trova nel Mar dei Caraibi, come Turks and Caicos, le Bahamas, le Isole Vergini Americane, ma altri sono concentrati in Oceania, come le Fiji, la Polinesia francese e l’Australia.

Nella top 10 ci sono anche le Hawaii e l’Indonesia. Caverne, fiumi sotterranei, coralli, anemoni di mare, stelle marine e cavallucci. Un vero paradiso! Non vi ho fatto venire voglia di partire? Stranamente, nella classifica non sono stati inclusi né MaldiveMar Rosso. Siete d’accordo?

Bullismo subacqueo

 

Stavo sfogliando il fotoalbum subacqueo (e non) di lamoscabianca.68 su Marsa Alam, a un tratto sento un brivido lungo la schiena, c’è il pesce balestra, l’attaccabrighe dei mari tropicali. Riaffiora un ricordo.
Stai nuotando spensieriata, quando qualcosa ti spintona con forza. E’ il pesce balestra. Che mi carica anche frontalmente! Nuoto velocemente lontano da lui. Allora si placa. Sono entrata nel suo territorio, dove ha deposto le uova.
E’ di medie dimensioni, ma con grossi denti a forma di scalpello. Con indole aggressiva fa il bullo anche con pesci più grossi di lui.
Vi è mai capitato di esser attaccati da un pesce?

Tra le 18 pagine di foto di lamoscabianca.68 fatte durante la sua vacanza a Abona Was Eden Village, ci sono anche degli scatti meravigliosi del dugongo.
Non sai cos’è il dugongo? Clicca qui.

Fiji Time

Paolo e Antonio mi hanno scritto alcune impressioni del loro viaggio di nozze alle Fiji.
Eh sì, ogni genere di matrimonio vuole le sue tradizioni!
Penelope

Ciao Penelope, quando abbiamo spalancato la porta del bure* un fascio di luce accecante non ci ha permesso di tenere gli occhi aperti.

Dopo aver fatto colazione con frutti squisitamente dolci, ci muniamo di pinne, maschera e boccaglio e si parte alla scoperta dei coralli e dei pesci. Abbiamo scelto le Fiji proprio per fare snorkeling. E qui, ciò che vedi rimane impresso per tutta la vita.
Il cibo in queste isole non delude mai: aragoste cucinate con salse o con frutta tropicale, zuppe di verdure o di pesce, gamberetti al latte di cocco… Una cucina da leccarsi i baffi.
Alle Fiji il tempo non esiste più, le giornate trascorrono in completo relax e sei minimalista anche nel look, coperto solo da un sulu** mentre aspetti il tramonto sorseggiando, in una noce di cocco, la yaqona***, la loro bevanda tradizionale.

*I bure, che nelle isole Fiji in realtà significano santuari, sono alloggi lussuosi sulla spiaggia, alcuni costruiti con materiale ecologico
**Sulu, è il tipico gonnellino fijiano, simile al nostro pareo
*** Yaqona: conosciuta come kava in altre aree dell’Oceania, è una bevanda con proprietà psicotrope derivata dalle radici di una pianta della famiglia delle piperacee (Piper methysticum)

A tutti, buone Fiji!
Paolo e Antonio”