I migliori ristoranti del mondo

Nella classifica annuale dei 50 ristoranti migliori del mondo che è appena stata decretata dal S.Pellegrino World’s 50 Best Restaurants, ho selezionato per voi i primi dieci, che rappresentano l’eccellenza del cibo. Il primo in assoluto è il Noma di Copenhagen. In seconda e terza posizione ci sono gli spagnoli El Celler de Can Roca e Mugaritz. Al quarto posto – nonché migliore tra i ristoranti italiani – l’Osteria Francescana di Modena, seguita dall’inglese The Fat Duck. Al sesto posto il ristorante statunitense l’Alinea e al settimo il D.O.M, che si trova a San Paolo del Brasile.

(GUARDA LE FOTO DEI MIGLIORI RISTORANTI DEL MONDO)

Lo spagnolo Arzak è in ottava posizione e Le Chateaubriand di Parigi in nona. Decimo classificato il ristorante newyorkese di Thomas Keller, Per Se. Nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo ci sono solo altri cinque ristoranti italiani premiati, tra cui il famoso Cracco di Milano, in 33^ posizione, e Dal Pescatore, vicino a Mantova, in 38^. Un po’ pochini, se pensate che la cucina italiana è ritenuta la migliore del mondo. Siete d’accordo con questa classifica?

I 50 migliori ristoranti del mondo

noma470.jpg

Chissà se riuscirò mai a provare uno dei 50 migliori ristoranti del mondo? E’ appena uscita la classifica annuale e, per provare il ristorante numero uno al mondo, Noma, bisogna andare fino a Copenhagen, in Danimarca. Più vicino è il numero due, El Bulli – quello di Ferran Adrià, chef famoso per la sua cucina molecolare – che si trova a Roses, vicino a Barcellona. Il terzo è un ristorante britannico, The Fat Duck, nella campagna inglese a un’oretta di strada da Londra (GUARDA LA GALLERY). Il primo ristorante italiano si trova solo al 6° posto ed è l’Osteria Francescana a Modena, che vanta un altro importante chef, Massimo Bottura.

Nella top 10 è l’unico italiano. Ma non sono molti i nostri ristoranti neppure nel resto della classifica. Se ne contano solo altri quattro. Primeggiano i ristoranti in Spagna, negli Stati Uniti, in Francia, ma anche nei Paesi del nord Europa e in Asia, Australia e Sudafrica.