22 maggio, festa del WWF

Domenica 22 maggio ci sarà la Giornata delle Oasi del WWF, la grande festa della natura italiana organizzata dall’Associazione del Panda che aprirà gratuitamente al pubblico oltre 100 meraviglie naturali, tra cui 40 boschi, in tutta Italia. Dalla Riserva naturale Sorgenti del Pescara, in Abruzzo, alle Grotte del Busseto in Campania, dal Lago dell’Agnelezza in Trentino all’Oasi La Francesa, in Emilia Romagna. La finalità è quella di salvare tre boschi: quello di Marzagaglia in Puglia, quello di Foce dell’Arrone nel Lazio e la Riserva naturale di Valpredina, sulle Prealpi bergamasche.

(GUARDA LE FOTO DELLE OASI DEL WWF)

Numerose le iniziative organizzate per adulti e bambini: esplorare boschi e radure, avvistare cervi e caprioli, fenicotteri e anatre selvatiche, seguire le tracce di lupi, orsi e lontre, costruire nidi, fotografare fiori e farfalle, liberare rapaci e tartarughe marine curati nei centri del WWF, seguire percorsi sensoriali di giorno e di notte. E poi spettacoli, concerti, pic-nic all’aria aperta, mercatini biologici. E voi andrete a visitare una delle Oasi del WWF come fa Luca Argentero?

Le Cesine, paradiso dei birdwatcher

le-cesine-470.jpg

La Riserva naturale Le Cesine, in Puglia, vince il premio degli appassionati di natura come Paradiso dei birdwatcher. Nell’Oasi WWF vivono fenicotteri, aironi, anatre selvatiche e altre ‘chicche’ ornitologiche per un totale di circa 200 specie di uccelli. Il titolo è stato conferito in seguito a una votazione quasi plebiscitaria (500 su 650) organizzata dall’associazione nazionale che si dedica alla promozione dell’attività di osservazione degli uccelli, la EBN Italia. Sono stati proprio gli specialisti di ornitologia a sceglierla come luogo ideale in cui poter dar sfogo alla loro passione grazie ai suoi paesaggi spettacolari e alla ricchezza di specie che vi abitano o vi sostano durante le migrazioni.

(GUARDA LE FOTO DELLA RISERVA LE CESINE)

La riserva è l’ultimo tratto superstite della vasta zona paludosa che si estendeva da Brindisi a Otranto e il paesaggio è tutto un alternarsi di dune, aree palustri, canali di bonifica, bosco misto e macchia mediterranea. Le Cesine è una delle 100 Oasi del WWF nonché la prima area protetta in Puglia. Un vero paradiso terrestre. E pensare che l’abbiamo qui in Italia!