Buon Natale!

xmas.jpg

Cari viaggiatori, vi faccio tanti auguri di Buon Natale sperando che tutti voi siate in vacanza in qualche parte del mondo. In questi giorni di festa aggiornerò lo stesso il blog, magari non tutti i giorni, ma qualche post interessante ci sarà sicuramente! Auguri!


Natale arriva allo zoo

natale-zoo-sydeny.jpg

Babbo Natale è arrivato anche allo zoo di Taronga, a Sydney, in Australia. Gli ospiti dello zoo erano tutti felici di spacchettare i loro regali, naturalmente tutti a base di cibo, il miglior regalo che si possa fare a un animaletto (GUARDA LE FOTO). Per l’elefantino Luk Chai è stato il suo primo Natale. Il suo regalo era a base di frutta fresca! Gli hanno portato un pacco dono blu tutto per lui… Per Jumilah, la tigre di Sumatra, è arrivato un grosso pacco che lei ha aperto con le zanne. Indovinate cosa conteneva? Un bel pezzo di carne prelibata.

I canguri, che qui ovviamente sono tantissimi, hanno ricevuto decine di pacchi rossi pieni zeppi di frutta succulenta. Anche negli altri zoo del mondo è passata la slitta di Babbo Natale. Guarda il video girato in uno zoo dell’Argentina.

Presepi nel mondo

presepi-470.jpg

Natale non è solo regali, pranzi, cenoni e alberi addobbati. C’è ancora chi lo considera una festa religiosa e, ogni anno, allestisce il presepe. In ogni angolo del mondo, ciascuno fa il presepe secondo la propria tradizione: di legno, di terracotta, di carta, di pane ecc (GUARDA LE FOTO). Sensibile alle nuove problematiche, c’è anche chi inventa presepi ecologici, fatti con bottiglie di plastica vuote e materiali riciclati. E poi c’è chi vuole mischiare sacro e profano e, tra i personaggi biblici, inserisce Vip e politici, come nel celebre presepe di Napoli.

Io il presepe lo faccio ogni anno. E voi? Se non lo avete mai fatto e quest’anno avete deciso di comprarne uno, vi ricordo che il Bambin Gesù va aggiunto solo il giorno di Natale e che i Re Magi arrivano il giorno dell’Epifania. Mi raccomando!

Paese che vai, Natale che trovi

pranzo-di-natale.jpg

Il Natale viene celebrato in modi diversi a seconda del Paese in cui ci si trova (GUARDA LE FOTO). Mentre in Italia festeggiamo al suono delle zampogne mangiando grosse fette di panettone, nel resto del mondo i gusti culinari sono spesso strani. In Norvegia, per esempio, le famiglie gustano il porridge nascondendovi dentro una mandorla. Chi la trova, riceve un maialino di marzapane portafortuna. I portoghesi, invece, sperano di non trovare la fava nascosta nella tipica Torta del re: in questo caso, non riceverebbero alcun regalo per Natale! In Irlanda si prepara il tradizionale pudding un mese prima di Natale per poi lasciarlo fermentare. Sarà buono? Chissà…

In Francia per il 25 dicembre si preparano ben 13 diversi dolci e si devono assaggiare tutti. Che fatica… Sono 13 anche i Babbi Natale che si festeggiano in Islanda: i bambini ricevono 13 regali, uno al giorno, 13 giorni prima di Natale. Che bella usanza! Adottiamola anche noi. No?

Megaraduno di Babbi Natale

Il 27 e 28 novembre nella cittadina di Samnaun, in Svizzera, si radunano centinaia di Babbi Natale (GUARDA LE FOTO). L’evento si chiama ClauWau ed è un campionato mondiale, giunto alla nona edizione, che si tiene ogni anno per stabilire quali sono i migliori Santa Claus del mondo.

Un divertentissimo happening sia per i partecipanti sia per gli spettatori che si danno appuntamento in questa località sciistica delle Alpi svizzere al confine con l’Austria dove le cime raggiungono i 3000 metri! A gruppi di quattro, i Babbi si devono sfidare in diverse discipline (GUARDA LE FOTO): correre con i pacchi dono sulle spalle, arrampicarsi sui camini per consegnare in tempo i regali, gareggiare a bordo di una slitta, realizzare una scultura con la neve, scendere velocemente dalla montagna sul bob e via dicendo. Un vero spasso! Se non volete andare in Svizzera, una gara simile c’è anche in Svezia. Ho trovato un video per voi.

Milano-Palermo: 12 ore di odissea

disagi-aeroporto.jpg

Vale mi ha raccontato la sua odissea per riuscire a trascorrere le vacanze di Natale a Palermo con la famiglia. Doveva partire da Milano Linate con un volo della Meridiana alle 10.00, ma, causa nebbia – a Linate non c’è il radar anti nebbia! – l’aereo che arrivava dalla Sicilia è stato fatto atterrare a Orio al Serio. Tutti i passeggeri hanno dovuto recuperare i bagagli dal check-in, farsi portare a Bergamo e aspettare che si liberasse uno slot (due ore seduti sull’aereo con le cinture allacciate…) prima di poter decollare. Atterraggio a Palermo: ore 18.00. Tra check-in, dogana, attesa, recupero valigie, trasferimento, altro check-in, altra dogana, imbarco, attesa, volo ecc sono passate ben 12 ore! Se avesse preso il treno forse avrebbe impiegato meno tempo. Oppure no? E meno male che non aveva preso un volo Alitalia, senò, con gli scioperi selvaggi, le vacanze le avrebbe trascorse a Milano. Anche tu hai avuto qualche disagio durante le feste natalizie? Raccontami la tua avventura!

Megaraduno di Babbi Natali

babbi-natale.jpg

Babbo Natale è arrivato a New York. O meglio, migliaia di Babbi Natale, provenienti da tutto il mondo, si sono dati appuntamento nella Grande Mela per festeggiante un mega happening per le strade della città. Uomini e donne, giovani e meno giovani vestiti di tutto punto, con tanto di barba lunga e bianca, infatti, si radunano ogni anno in diverse città, non soltanto degli Stati Uniti. C’è anche un calendario degli appuntamenti città per città. L’idea è nata dieci anni fa quando una trentina di amici di San Francisco si sono travestiti da Santa Claus e sono usciti di casa combinandone di cotte e di crude. Qualcuno organizza persino campi d’addestramento per aspiranti Babbi. Si parte dalla pronuncia perfetta dell’“Oh oh oh” fino alla discesa dal camino, impresa che un vero Babbo Natale deve affrontare per consegnare i doni a tutti i bambini. A me piacerebbe partecipare a uno dei prossimi raduni. E a te?