Trompe l’oeil nel mondo

trompe-loeil-470.jpg

Durante i vostri viaggi in giro per il mondo, vi è mai capitato di imbattervi in un edificio meraviglioso che, in realtà, è semplicemente un dipinto? Le città del mondo sono piene di trompe l’oeil, facciate dipinte in modo da ricreare ambienti che sembrano veri. Alcuni di questi sono famosissimi. Se andate a Parigi, per esempio, non potete perdervi la casa d’epoca ‘ubriaca’: i balconi volteggiano e le finestre si allungano. Anche a Lione l’intera facciata di un palazzo detto La casa dei lionesi è stato riempito con le sagome di tutti i personaggi che hanno reso celebre la città.

(GUARDA LE FOTO DEI MIGLIORI TROMPE L’OEIL DEL MONDO)

Patiti dei trompe l’oeil sono gli americani. L’università della California, non potenedo essere un edificio classico, si è fatta dipingere un colonnato sulle pareti. A Boston, un normalissimo (e anche tristissimo) edificio di mattoni degli Anni ’20 ha aggiunto qualche persona alla finestra per dare un po’ di colore. Non li trovate divertenti?

Paese che vai, acquario che trovi

acquario_lione.jpg

Di stranezze in giro per il mondo se ne vedono tante, ma questa sembra essere una delle più interessanti. A Lione, in occasione del Festival della Luce, i designer Benoit Deseille e Benedetto Bufalino (non è uno scherzo, si chiama davvero così) hanno realizzato uno splendido acquario tropicale all’interno di una vecchia cabina del telefono. Pensate a tutte quelle presenti nelle strade italiane, non sarebbe bello se fossero tutte così? Magari con un bel Wi-Fi Spot per poter navigare gratuitamente…