Robin Hood rimane senza casa: in vendita la foresta di Sherwood

sherwood.jpg

La crisi non risparmia proprio nessuno, nemmeno una leggenda come Robin Hood. Secondo il Telegraph, pare che il governo britannico abbia intenzione di mettere in vendita oltre 748.000 acri di foreste, compresa la Foresta di Sherwood. L’intento è quello di ricavare denaro per ripianare il deficit e alcuni luoghi di interesse storico e turistico come, appunto, la Foresta di Sherwood e la Foresta di Dean saranno ceduti a privati che realizzeranno parchi divertimento, alberghi e altre amenità turistiche.

FOTOGALLERY: I luoghi di Robin Hood

Attualmente le foreste demaniali britanniche sono protette dalla Magna Carta del 1215 che ne preserva l’integrità, ma ben presto le cose potrebbero cambiare. Già si parla di alberi tagliati per far posto a strutture ricettive, attrazioni e parcheggi. Ogni anno più di mezzo milione di persone visitano Sherwood ed è facile capire che il numero potrebbe aumentare a dismisura con il piano annunciato e le conseguenze per l’ambiente e la natura sono facilmente immaginabili. Io spero davvero che cambino idea in fretta…

Scoperta nuova Stonehenge di legno

A Stonehenge hanno fatto una nuova scoperta che rivoluzionerà le teorie fatte dagli storici finora. A poche centinaia di metri dal famoso sito archeologico è stata trovata una replica più piccola e fatta di pali di legno (GUARDA LE FOTO). Secondo le prime analisi, risalirebbe allo stesso periodo, cioè 4500 anni fa. Non è fenomenale? Del resto, gli archeologi inglesi si aspettavano di trovare qualcos’altro nella piana di Salisbury in Gran Bretagna, visto che intorno ai cerchi di pietra, oltre a un altro sito che si chiama Woodhenge, dove i cerchi sono delimitati da alberi pietrificati, non c’è nulla se non prati, colline e pecore per decine di chilometri.

Se non siete mai stai a Stonehenge vi consiglio vivamente di farci un salto, magari quest’estate. Lo sapevate che la zona dei Cotswolds, a un centinaio di chilometri da Londra, è molto di moda in questo momento? Ci vanno tutti i vip, da Kate Moss ai reali d’Inghilterra. Mancate solo voi!

Decolla il Boeing 787 Dreamliner

Un altro grattacielo dell’aria è arrivato. Ha fatto il suo volo inaugurale il nuovo Boeing 787 Dreamliner, l’aereo più grande del mondo dopo l’A380. La Airbus e la Boeing, che da sempre sono acerrime concorrenti, si sfidano così a suon di numeri: il 787 può trasportare fino a 300 passeggeri, mentre l’A380 fino a 800 (dato che ha due piani!!); il 787 ha un’apertura alare di 60 metri, mentre l’A380 di 79,8 m; il 787 è lungo 56,7 m, mentre l’A380 73 m; il 787 pesa 110.000 kg, mentre l’A380 361.000 kg (vuoti, naturalmente). Entrambi, però, hanno un’autonomia di 15mila chilometri. La vera differenza la fa il consumo: il pregio del Dreamliner 787, infatti, sta nel fatto di essere ecofriendly. Fatto al 50% di fibre di carbonio, permette di inquinare il 30% in meno dell’Airbus A380. Eh bravi gli americani (e anche gli italiani, visto che c’è un po’ della nostra tecnologia dentro)!

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEL BOEING 787 DREAMLINER)

La Boeing ha già ricevuto 860 ordini da 56 diverse compagnie aeree (nessuna italiana!). Il primo apparecchio sarà consegnato alla giapponese All Nippon Airways entro la fine dell’anno, ma sarà effettivo dal 2011. L’occasione del suo primo volo è stato l’Air Show di Farnborough, in Inghilterra, il più importante evento dedicato all’aviazione dopo quello francese di Le Bourget, dove si è vista anche un’auto che viaggia a mille miglia all’ora. Intanto, la settimana scorsa a Milano Malpensa è atterrato per la prima volta sul suolo italiano l’A380. Anche quella è stata un’emozione però…

Solstizio d’estate a Stonehenge

stonehenge-470.jpg

Come ogni anno, per il solstizio d’estate del 21 giugno, il giorno più lungo dell’anno, migliaia di persone si danno appuntamento a Stonehenge, a Salisbury Plain, il sito preistorico più famoso del mondo che si trova in Inghilterra, a un’ottantina di chilometri da Londra. Santoni, druidi, adepti della New Age, neo-pagani e ogni sorta di pseudo-religiosi trascorrono la notte precedente sul prato tra i famosi monoliti (GUARDA LE FOTO) cantando, ballando e festeggiando, in attesa del sorgere del sole per dare il benvenuto all’estate. Quest’anno, ad attendere l’alba alle 4.52, c’erano almeno 20mila persone (l’anno scoso erano in 36mila)!

Non so se abbiate mai avuto l’occasione di andare a Stonehenge (se non ci siete mai stati trovate una scusa per vederlo almeno una volta nella vita!), ma vi assicuro che il sito non è così grande da ospitare tutte queste persone! Sarebbe un peccato se qualcuno lo rovinasse, no? Secondo gli esperti, i megaliti e i cerchi di pietra si trovano lì più o meno dal 3.000 a.C., il sito attira all’incirca 750.000 visitatori l’anno ed è la prima attrazione turistica della Gran Bretagna, nonché tra i luoghi più visitati al mondo. Non pensate che dovrebbe essere protetta dalle orde di hippie?

Volete un bunker anti-atomico?

bunker.jpg

Questa notizia è proprio curiosa, ve la racconto perché potrebbe essere un’ottima idea per passare delle vacanze inusuali. Nel weekend è apparsa un’inserzione su eBay nella quale viene messo all’asta un bunker anti-atomico in Inghilterra, nel Derbyshire. Costruito nel 1959, in piena guerra fredda, è una delle tante postazioni cadute in disuso dopo la fine dell’Unione Sovietica. (GUARDA LE FOTO)

Nella descrizione viene specificato come, oltre alla costruzione interrata, sia compreso l’appezzamento di terreno circostante, in una location stupenda e con una vista panoramica mozzafiato. Il bunker misura 15×15 metri, ha due locali, una toilette chimica, un posto di osservazione, due condotti per l’aerazione e si trova a circa 4 metri sottoterra. L’asta è partita da una base di 500 sterline e, dopo 38 rilanci, l’offerta attuale è pari a 19.500 sterline (circa 22.000 euro). L’inserzione scadrà il 7 marzo verso mezzanotte, quindi c’è ancora qualche giorno a disposizione per pensarci. Affrettatevi!

Campi di lavanda in Uk

001-lavanda-uk.jpg

Lavanda è sinonimo di Provenza. Questo è ciò che credevamo tutti. Finora. Se volete vedere immense distese di campi di lavanda adesso potete andare anche in Gran Bretagna. A Banstead, nel Surrey, si coltiva questo profumatissimo fiore fin dal XVII secolo. E il panorama non ha nulla da invidiare alla Francia del sud! A fine luglio, da queste parti, si assiste alla raccolta della lavanda, uno spettacolo emozionante e inebriante, dato il profumo che pervade l’aria. Dalla lavanda si estraggono essenze che servono per fare olii, creme e persino i biscotti per il tè delle cinque, un rito scontato tra gli inglesi. In questo video, si può vedere cosa si può fare con la lavanda…

Solstizio d’estate a Stonehenge

stonehenge1.jpg

A Stonehenge, vicino alla città di Amesbury e a circa 80 km da Londra, in Gran Bretagna, il 21 giugno circa 36.000 persone hanno atteso il sorgere del sole per festeggiare il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno.

stonehenge2.jpg

Secondo i media britannici quest’anno c’è stato un record di presenze, tra ecologisti, new age e neo-hippy, che alle ore 04.58 si sono radunati intorno al monumento neolitico (guardatelo dal satellite!) eretto tra il 3.000 e 1.600 a.C., aspettando l’alba. Molti hanno dormito addirittura sotto le stelle, protetti dagli antichi megaliti sistemati in circolo.

stonehenge3.jpg

Le pietre di Stonehenge sono allineate con un significato particolare ai punti di solstizio ed equinozio. Alcuni sostengono che rappresenti un antico osservatorio astronomico, anche se il suo uso è tuttora poco chiaro anche agli esperti. Comunque, peccato non esserci stata, credo sarebbe stata una bella esperienza. Me lo devo segnare sul calendario per l’anno prossimo!

UK: arriva il bobby di cartone

Bobby.jpg

Ho letto che in Inghilterra, per risparmiare sugli stipendi dei bobby, i tipici poliziotti britannici, hanno deciso di mettere per le strade alcune sagome di cartone a forma di bobby. Pare servano da deterrente contro ladri e taccheggiatori. Ma soprattutto non fanno mai assenze e non pesano sulle tasche dei contribuenti! Una decina di queste sagome sono già state piazzate nel centro di Redcar, una cittadina nel nord est del Paese. Naturalmente, si vede benissimo che il poliziotto è finto, ma secondo le forze dell’ordine il fatto di essere controllate induce le persone a comportarsi bene. Forse tra poco vedremo i finti bobby anche a Londra, che, a causa della crisi economica, in questo momento risulta essere la città più conveniente dove trascorrere le vacanze.

Conosci Birmingham?

birmingham_470.jpg

Oggi vi segnalo una curiosità che arriva da oltremanica: a quanto pare non tutti i membri dell’amministrazione comunale di Birmingham in Inghilterra conoscono bene lo skyline della propria città. Infatti, in un volantino stampato in 360.000 copie e distribuito ai residenti (nel quale erano indicati i successi ottenuti con il riciclaggio dei rifiuti, oltre alle buone norme per migliorare ulteriormente la raccolta differenziata), è stata scelta una foto raffigurante Birmingham, ma non la seconda città inglese, bensì la metropoli più grande dell’Alabama, uno dei 50 Stati USA. Come si può vedere dall’immagine, le differenze sono notevoli; evidentemente è stata fatta una rapida ricerca in Rete ed è stata scaricata la prima fotografia trovata. E ad accorgersene è stato un semplice cittadino, dopo aver ricevuto il volantino in questione. Una magra figura da parte del consiglio comunale, per fortuna le disattenzioni macroscopiche non sono solo ad appannaggio delle amministrazioni italiane…