Aeroporti: i 10 migliori

aeroporto-hong-kong.jpg

Per chi viaggia è fondamentale conoscere i principali aeroporti del mondo. Se si deve fare un lungo scalo, se ci si deve fermare per ore per un motivo o per l’altro, è importante sapere cosa offre il terminal. La Skytrax ogni anno pubblica la classifica dei 10 migliori aeroporti del mondo e, proprio in questi giorni, è uscita la top 10 del 2011. La classifica si basa sui commenti ricevuti dai passeggeri di tutto il mondo che hanno scelto l’Aeroporto internazionale di Hong Kong come migliore scalo del mondo, scalzando il mitico Changi di Singapore che è passato al secondo posto (nonostante il suo giardino tropicale, la piscina per i passeggeri in transito e l’organizzazione che, a mio parere, non ha eguali al mondo).

(GUARDA LA CLASSIFICA DEI 10 MIGLIORI AEROPORTI DEL MONDO)

Rispetto alla classifica dello scorso anno, restano praticamente invariati gli aeroporti, cambiano solo posizione. L’unica new entry è l’Aeroporto di Copenhagen, che si posiziona decimo al posto di quello di Bangkok. Gli altri aeroporti della top 10 sono quelli di Seoul, Monaco di Baviera, Pechino, Amsterdam, Zurigo, Auckland e Kuala Lumpur. Nessuno è italiano e, stranamente, non c’è neppure l’aeroporto di Dubai, famoso per le sue chaise longue massaggianti e per i tantissimi servizi che offre ai passeggeri in transito. Siete d’accordo con questa classifica?

L’hotel più alto del mondo

Come diceva qualcuno, l’unico limite è il cielo. A Hong Kong l’hanno preso in parola ed è stato costruito e inaugurato l’hotel più alto del mondo. All’interno dell’International Commerce Centre di Kowloon, 490 metri d’altezza per 118 piani (l’hotel occupa in realtà solo dal 102° al 118°) si affaccia direttamente su Victoria Harbour, una delle baie più belle del mondo. Il nuovo hotel cinque stelle lusso soppianta così il primato del Park Hyatt di Shanghai, sempre in Cina, alto ‘solamente’ 413 m.

(GUARDA LE FOTO DELL’HOTEL PIÙ ALTO DEL MONDO)

Non sarà necessario soggiornare nell’hotel, che è un Ritz-Carlton e le cui camere avranno prezzi a partire da 550 euro. Infatti, gettonatissimo sarà il ristorante che si trova proprio sul tetto, da cui si ha una vista mozzafiato sui grattacieli di Hong Kong. Ma lo skyline è protagonista ovunque: ogni camera, la spa e la piscina sono tutte con vista. E che vista!

Gli hotel più alti del mondo

ritz-carlton-hong-kong-470.jpg

Se mai vi capitasse di alloggiare in uno degli hotel più alti del mondo potrete dire di avere vissuto una meravigliosa esperienza di viaggio anche solo stando chiusi nella vostra camera. Sì perché dall’alto si gode di un panorama mozzafiato della città che si andrà a visitare a cui non si può proprio rinunciare. Il Forbes ha stilato la classifica dei dieci hotel più alti del mondo che desidero condividere con voi. L’hotel più alto del mondo sta per aprire (marzo 2011) a Hong Kong. E’ il Ritz-Carlton e sarà alto quasi 500 metri (489,8136, per la precisione). Affacciato davanti a una delle baie più spettacolari del mondo, sarà una vera meraviglia. Fino ad allora l’hotel più alto del mondo è il Park Hyatt di Shanghai, che misura 413,9 m. Segue la nuova Trump International Hotel & Tower di Chicago, 411 metri di cristallo nel pieno centro della città del vento.

(GUARDA LE FOTO DEGLI HOTEL PIÙ ALTI DEL MONDO)

I tre hotel successivi si trovano tutti a Dubai, negli Emirati Arabi, e sono il Rose Rayhaan (333 m) e, a pari altezza (320,9544 m), il Burj Al Arab (detto anche ‘la vela’) e il nuovissimo Armani Hotel, che si trova ai piani bassi (per modo di dire) del grattacielo più alto del mondo, il Burj Khalifa (la cui sommità tocca gli 826 metri). Gli altri hotel della top 10 sono il Baiyoke Sky Hotel di Bangkok, in Thailandia (309 m), il Four Seasons di Miami (239,8 m), il Q1 in Australia (235 m) e il Grand Lisboa a Macao, in Cina (227,9 m).

La casa a remi

paddling-home.jpg

E’ proprio vero, tutte le stranezze arrivano dall’oriente, come questa casetta a remi che ho scovato in Rete, realizzata da Kacey Wong, un artista di Hong Kong che ha voluto testarla in occasione dell’Esposizione Biennale di Urbanismo e Architettura di Hong Kong e Shenzen. Mr. Wong ha voluto riprodurre un tipico appartamento della metropoli cinese ed è riuscito a costruire interamente a mano questa curiosa imbarcazione sostenuta da quattro barili di plastica. (GUARDA LE FOTO)

La casa a remi è un piccolo monolocale di 1,2 metri per lato, con tanto di veranda, condizionatore e minuscolo campo da golf sul tetto. L’immagine dell’appartamento galleggiante nel bel mezzo del Victoria Harbour, sovrastato dai grattacieli è davvero simpatica, chissà che qualche costruttore non apprezzi l’idea e colga l’occasione per produrre dei monolocali a motore