Cina: giardino dei 10mila ponti

Se avete in programma un viaggio in Cina, non perdetevi una visita al nuovo giardino appena inaugurato nella città di Xi’an, a 1000 km a sud di Pechino. Si chiama ‘giardino dei 10.000 ponti’ ed è stato progettato per la Mostra internazionale di orticultura che chiuderà i battenti il prossimo mese di ottobre. In realtà si tratta di un sali-scendi di cinque ponti semicircolari che si intersecano tra loro come un labirinto e che, secondo la filosofia orientale, rappresentano le fasi della vita dell’uomo.

(GUARDA LE FOTO DEL GIARDINO DEI 10.000 PONTI)

Il pubblico che lo ha già visitato è rimasto entusiasta dell’opera, realizzata dallo studio di architetti West 8 specializzati nell’architettura urbana. I ponti, come ogni ponte orientale che si rispetti, sono di colore rosso acceso e sono circondati da un bellissimo parco naturale con erba altissima e canne di bambù. Non lo trovate stupendo?

Sculture di neve in Cina

sculture-neve-cina470.jpg

In Cina sono davvero dei maghi delle sculture di neve. Sono capaci di riprodurre qualsiasi scultura, monumento e opera con mani e scalpello. Quest’anno ha riprodotto la copia perfetta della Nike di Samotracia, una delle statue più famose al mondo che oggi erge maestosa nel Museo del Louvre di Parigi. Intere città, bighe con i cavalli, personaggi Manga, ce n’è per tutti i gusti.

(GUARDA LE FOTO DELLE SCULTURE DI NEVE)

Anche in Italia però stiamo diventando bravi a manipolare il ghiaccio. A Livigno, per esempio, si ‘è appena svolta la 15^ edizione del campionato Art in Ice con bellissime sculture realizzate da artisti provenienti da tutto il mondo: ha vinto un ‘gomitolo’!

Il treno più veloce del mondo

In Cina, un treno ha raggiunto il record di velocità: ben 416,6 km all’ora. Il viaggio inaugurale è stato fatto ieri da Shanghai e Hangzhou in soli 40 minuti (prima ci volevano 2 ore). Il treno più veloce della Cina (e del mondo) era molto atteso. Pensate che, secondo le Tv locali, sono circa 80 milioni i cinesi che lo prenderanno. Incredibile! Tanto che i cinesi han deciso di allungare le rotaie del Paese di ben 110mila chilometri entro il 2012. Il nuovo treno, però, non viaggerà sempre a questa velocità da record. Ma non molto meno: 350 km/h.

(SFOGLIA LA GALLERY DEL TRENO DEI RECORD)

Finora i treni più veloci erano quelli giapponesi. Ora anche loro dovranno inchinarsi davanti alla tecnologia Made in China che sta sbaragliando tutti in tutti i campi. Speriamo che i treni cinesi siano anche puntuali come quelli nipponici, però. Su questo punto sarà difficile battere gli amici del Sol Levante. No?

A Shanghai l’autobus che passa sopra alle auto

bus-cinese.jpg

Questi cinesi! Ormai non si limitano più a copiare (e in molti casi migliorare) le idee occidentali, ora pare proprio che, sull’onda dell’enorme sviluppo economico, si stiano lanciando nel progettare soluzioni innovative. E’ il caso, per esempio, di questo futuristico mega bus, pronto per essere costruito in quel di Shanghai. La Shenzhen Hashi Future Parking Equipment Co., Ltd ha progettato un nuovo mezzo pubblico di trasporto che dovrebbe diminuire del 20-30% il traffico urbano, consentendo agli altri veicoli di continuare la marcia anche durante le fermate. (GUARDA LE FOTO)

Alto tra i 4,5 e i 5 metri (ma comunque più basso delle sopraelevate cinesi), prevede una capacità di 1200-1400 passeggeri al piano superiore, mentre la parte inferiore permette il passaggio delle auto (altezza massima 2m) sotto il mezzo. Capace di muoversi a una velocità di 60 km/h e alimentato da celle solari e energia elettrica, consente di costruire una tratta con un terzo del tempo e un decimo dei costi necessari a costruire una metropolitana. La costruzione dei primi 186km di tracciato dovrebbe iniziare entro fine anno.

Shanghai: pronta per l’Expo 2010

padiglione-italia-470.jpg

Tra un mese Shanghai ospiterà l’Expo 2010, che durerà 6 mesi, dall’1 maggio al 31 ottobre, ma è già quasi tutto pronto! Del resto, abbiamo visto con le Olimpiadi del 2008 che i cinesi gli eventi li sanno davvero organizzare. Il tema dell’esposizione universale di quest’anno è tutto incentrato sull’ecologia: “Better City, Better Life” (‘città migliori, vita migliore’). Ciascun Paese che partecipa all’Expo (sono circa 200) con un proprio padiglione ha lo scopo di proporre la propria idea di stile di vita futuro. Pratagonisti di questa esposizione universale Made in China sono proprio i padiglioni. Futuristici, tecnologici, simbolici, di design, griffati, giganteschi: sono un più bello dell’altro (GUARDA LE FOTO).

Il padiglione della Cina è un enorme tempio rosso; quello della Spagna è in stile Gaudì; quello della Gran Bretagna sembra un enorme porscospino bianco; quello del Lussemburgo è una grande fattoria stilizzata; quello dell’Africa raffigura i volti dei popoli del continente; quello dell’Australia è una moderna Ayers Rock. E quello dell’Italia? Ricorda il gioco ‘Shanghai’, quello degli stecchini (ci avete giocato tutti, immagino), ma in una versione gigantesca. Il nostro padiglione, però, non sembra essere ancora pronto. Speriamo che nell’organizzare l’Expo del 2015 che si terrà a Milano saremo più veloci. Che ne dite?

In Cina è iniziato l’anno della tigre

china.jpg

Ieri, in tutta la Cina e in altri Paesi orientali, si è festeggiata la Festa di Primavera, da noi più conosciuta come capodanno cinese o capodanno lunare; è infatti iniziato l’anno della tigre. Le celebrazioni, coloratissime e ricche di maschere, danze e canti, si sono tenute a Pechino, in tutte le città cinesi e nelle chinatown di tutto il mondo. (GUARDA LE FOTO)

Il calendario cinese è un calendario lunisolare nel quale i mesi iniziano in corrispondenza di ogni novilunio, quindi la data del capodanno, può variare di circa 29 giorni. Questa coincide con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, perciò può essere un giorno compreso tra il 21 gennaio ed il 19 febbraio del calendario gregoriano. Le festività durano per quindici giorni e si concludono con la tradizonale festa delle lanterne.

Cina, il festival del ghiaccio

festival-ghiaccio-cina-470.jpg

In questi giorni ha fatto freddo ovunque. Ma in Cina ha superato ogni record. L’annuale Festival internazionale del ghiaccio che si svolge nella città di Harbin, meglio conosciuta come Ice City (la città di ghiaccio), nella provincia di Heilongjiang, a nord-est della Cina, è stato un successone (GUARDA LE FOTO)! Enormi sculture di ghiaccio, città ricostruite con strade e palazzi a grandezza reale (GUARDA IL VIDEO), c’è persino una copia perfetta della Città proibita che si trova a Pechino.

Il festival è giunto quest’anno alla 26^ edizione e, ogni anno, per l’evento giungono qui persone da tutta la Cina. C’è addirittura qualcuno che viene apposta per sposarsi davanti a questo spettacolo unico al mondo. Lo fareste anche voi?

In Asia per l’eclissi del secolo

002-eclissi-asia.jpg

Questa notte, quando da noi erano le 3, mezza Asia è rimasta al buio per circa 6 minuti per l’eclissi più lunga del secolo. E’ stata percepita dall’India al Giappone alla Cina per circa 250 km. Miliardi di persone, tra cui tantissimi turisti accorsi in Oriente solo per l’occasione, hanno assistito all’evento eccezionale.

001-eclissi-asia.jpg

In India hanno fatto riti propiziatori, in Giappone hanno fatto indossare gli occhiali da sole persino agli animali degli zoo. Ma pare siano state tantissime le persone che, per scaramanzia, si sono chiuse in casa per tutta la durata dell’evento.

003-eclissi-asia.jpg

Tra l’altro, manco a farlo apposta, l’eclissi è avvenuta proprio in occasione dei festeggiamenti per  il 40° anniversario dello sbarco dell’uomo sulla Luna! Peccato, però, che in alcune città l’eclissi sia stata rovinata dal brutto tempo e dalle nuvole, come a Shanghai. Per assistere a un’eclissi lunare di tale portata bisognerà aspettare 120 anni. Consoliamoci guardando l’eclissi di questa notte!