Monaco: il museo della birra

museo-birra-470.jpg

Per molti Monaco di Baviera è sinonimo di Oktoberfest e, quindi, di birra. Ecco perché ad Abensberg, una cittdina di 12mila abitanti a circa 90 km da Monaco, hanno aperto il museo della birra, il Bierwelt (letteralmente, il mondo della birra). In realtà si tratta di un parco a tema, sorto in un villaggio da sempre legato alla birra. Il parco ha un’architettura davvero divertente: ci sono torri rotonde, finestre danzanti, pavimenti ondeggianti, che ricordano un po’ lo stile di Gaudì a Barcellona. All’interno il tour comprende la visita della distilleria, del museo e del negozio, dove si possono acquistare boccali di ogni forma e misura. Naturalmente, non manca il momento della degustazione. Il percorso è facile: basta seguire il sentiero fatto di tappi di birra sul pavimento.

(GUARDA LE FOTO DEL MUSEO DELLA BIRRA)

La zona in cui si trova Abensberg è la più estesa per la coltivazione del malto. Inoltre, è negli oltre 600 birrifici della città che vengono prodotte alcune delle birre tedesche più famose. Il museo della birra comprende un tour della storia, della letteratura, della filosofia e dell’arte legate a questa bevanda. Il tour culmina con l’ascesa alla Torre Hunterwasser, ma prima di arrivare in cima, bisogna assaggiare sei diversi tipi di birra, da quella analcolica alla birra bianca. Che sacrificio!

Brucia la storica Guinness

Guinness-incendio.jpg

Sarebbe potuta sfociare in una catastrofe, ma per fortuna tutto si è risolto al meglio. Ieri a Dublino è scoppiato un incendio alla storica fabbrica della Guinness (GUARDA LE FOTO)! Il fumo ha invaso la città irlandese e si vedeva persino dalla verde campagna circostante (GUARDA IL VIDEO QUI SOTTO). Alla fine si è bruciata solo una parte del tetto della vecchia entrata a Victoria Quay (quella nuova è St James’s Gate) e due pompieri sono finiti in ospedale per aver respirato il fumo. Poveri! Abbiamo rischiato di perdere uno dei patrimoni dell’Irlanda nonché uno dei luoghi più turistici di Dublino che esiste da anni.

Dall’altra parte della strada, in Thomas Street, dove si trova la storehouse, c’erano parecchie persone che stavano facendo un tour, ma non sono state evacuate: hanno continuato tranquillamente a bere la loro pinta di Guinness!

Guinness, 250 anni e non sentirli

guinness01.jpg

La regina delle birre, la scurissima Guinness (la mia preferita, se per caso vi interessasse) ha festeggiato ieri i 250 anni. Il 24 settembre 1759, Arthur Guinness strappò un contratto d’affitto record alla St. James’s Gate Brewery di Dublino: 9000 anni a 45 sterline, con scadenza 1° gennaio 10759!!! A 250 anni dalla sua nascita, l’Arthur Guinness Son & Co. continua a produrre nello stesso stabilimento la birra stout irlandese dal caratteristico colore nero.

Fabbrica della birra in aeroporto

pub-monaco.jpg

Se vi capita di fare scalo all’aeroporto di Monaco di Baviera resterete stupiti da quante cose da fare ci sono per i passeggeri in transito. Dire che c’è la Spa e il centro benessere ormai non è più una novità, dato che sono molti oggi gli aeroporti in tutto il mondo ad offrire questo servizio, come anche il casinò (c’è pure allo Schiphol di Amsterdam), la tintoria ecc. Invece, sono rimasta colpita quando ho saputo che qui c’è pure un ospedale, in grado di operare veramente, e pure un birrificio che vende birra di produzione propria! Certo, se non c’è a Monaco, patria dell’Oktoberfest, dove doveva esserci? Pensate che per noi italiani c’è persino uno Spazio Italia, dove mangiare gli spaghetti come quelli che fa la mamma. Viene proprio voglia di fare un viaggetto a Monaco solo per stare all’aeroporto. No? Chi vuol venire con me alzi la mano!