L’A380 per la prima volta a Roma

Per la prima volta un A380 è atterrato a Roma. Il gigante dei cieli ha toccato la pista dell’aeroporto Leonardo Da Vinci di Roma Fiumicino in occasione dei festeggiamenti per i 50 anni dello scalo romano e per i 150 anni dell’Unità d’Italia. L’A380 della compagnia aerea Emirates, pilotato dall’italiano Nicola Coviello, è decollato dall’aeroporto di Dubai alle 8.55 del 6 giugno ed è atterrato alle 13.25, accolto dal water cannon, un arco d’acqua creato dai vigili del fuoco.

(GUARDA LE FOTO DELL’A380 ATTERRATO A ROMA)

L’A380 è l’aereo più grande del mondo. Il volo di ieri ospitava 489 passeggeri a bordo, ma il gigante dell’aria può portare fino a 800 persone sui due piani. Alcune compagnie aeree hanno allestito i propri A380 con suite doppie e servizi superlusso, tra cui due On Board Shower Spa e fino a 1200 canali di intrattenimento. Un A380 era già atterrato in un aeroporto italiano. Lo scorso mese di luglio, infatti, l’A380 della Emirates è arrivato a Milano per la presentazione della nuova maglia del Milan, di cui è sponsor.

Boeing 747-8, il gigante dell’aria

boeing-747-8-intercontinental-470.jpg

Erano in 10mila, ieri, a Everett, vicino a Seattle, negli Stati Uniti, tutti con il naso all’insù, per vedere decollare il nuovo gigante dell’aria, il Boeing 747-8 Intercontinental. Il nuovo re dei cieli, concorrente acerrimo dell’A380 di Airbus, è l’aereo passeggeri più lungo del mondo. E’ anche più tecnologico, più economico e più ecologico, se si considera il fratellino 787 Dreamliner, che finora deteneva il primato. Ogni passeggero, infatti, permetterà di consumare il 16% in meno di anidride carbonica e l’aereo sarà il 30% meno rumoroso. All’interno sarà più spazioso e confortevole per i passeggeri e ci sarà anche più spazio per il bagaglio a mano. Inoltre, sarà rosso, al contrario di tutti i Boeing che solitamente sono blu. E per questo motivo, i fan si sono già scatentati sulla rete!

(GUARDA LE FOTO DEL BOEING 747-8 INTERCONTINENTAL)

Ideale per le lunghe tratte, sono già parecchie le compagnie aeree che ne hanno ordinato alcuni esemplari, tra cui la tedesca Lufthansa e la coreana Korean Air. Le prime consegne avverranno alla fine del 2011 e sono in molti a non vedere l’ora di viaggiare su questo splendido aereo. Tra questi ci sono anch’io!

Nuova vita per il Boeing 747

boeing-747-8-470.jpg

Decolla questa sera dalla base di Everett, vicino a Seattle, Stati Uniti, il nuovo Boeing 747-8, il jumbo più grande del mondo, conosciuto anche con il nome di Jumbo Jet (GUARDA LE FOTO). Nuova vita e nuovo look per il gigante dei cieli che si pensava fosse sparito, in occasione dei sui primi 40 anni. Più grande di prima (476 passeggeri), più ecologico e più veloce (988km/h) grazie a quattro motori General Electric e alle ali ridisegnate, sarà un concorrente agguerrito dell’Airbus 380.

Il Boeing 747-8 è lungo 76m, ha un’apertura alare di 69mpesa 200 tonnellate. Tuttavia, potrà volare per 15mila chilometri (prima ‘solo’ 10mila) senza mai fermarsi. Per i fan dei jumbo, niente paura: la linea sinuosa della fusoliera e i quattro reattori sulle ali, che da sempre hanno caratterizzato questo tipo di velivolo, sono rimasti identici. Una chicca: il nuovo jumbo è piaciuto così tanto a Obama che vorrebbe averlo come prossimo Air Force One. Guardate com’è fatto in questo video.

La nuova casa dell’A380

hangarA380.jpg

Qualche giorno fa è stato inaugurato all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi il nuovo hangar H6. Bene, direte voi, e quindi? L’H6 è il primo garage costruito da Air France per ospitare e accudire un Airbus A380, il nuovo e mastodontico re dei cieli. Il moderno “box” copre un’area pari a 25.800 mq (dei quali 12.500 mq dedicati alla manutenzione dei velivoli) ed è in grado di ospitare contemporaneamente un A380 e due aerei di medio raggio; è lungo 90 metri, largo 110, alto 40 e per costruirlo ci sono voluti 24 mesi e 455.000 ore di lavoro. Il 22 novembre è arrivato a Parigi, proveniente da Tolosa, il primo A380 francese. Secondo voi quando in Italia potremo ammirare una simile opera ingegneristica e, soprattutto, veder volare sulle nostre teste un aereo del genere?