Monumenti italiani da salvare

monumenti italiani, colosseo, torre di pisa

Tripadvisor ha stilato una classifica sui dieci monumenti del Belpaese che gli italiani vorrebbero salvaguardare maggiormente. Le attrazioni più meritevoli di tutela sono il Colosseo e le Rovine di Pompei, rispettivamente al primo e al secondo posto nella top ten delle opere d’arte da preservare, seguite da Villa del Casale, in Piazza Armerina, a Enna e le Mura AurelianeRoma.

(GUARDA LE FOTO DEI MONUMENTI DA SALVARE)

In quinta posizione la Torre pendente a Pisa e in sesta l’Arena di Verona. Nella classifica non potevano mancare i Sassi di Matera, seguiti dalla chiesa di Santa Croce a Firenze e dalla Via Panoramica di Capri. Ultimo classificato l’Anfiteatro di S. Maria Capua Vetere a Caserta (nella foto). Secondo voi quali sono gli altri monumenti italiani da proteggere?

Monumenti italiani da salvareultima modifica: 2011-06-01T13:26:14+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Monumenti italiani da salvare

  1. Invece di un commento vorrei porre una domanda per tutti:
    perchè le opere d’arte, i siti storici ed i musei in tutta l’europa se non in tutto il mondo sono un’occasione di sviluppo sociale ed economico per la popolazione che li ospita ? Creano occupazione e ricchezza , mentre in italia ciò non succede dovendo poi ricorrere ai fondi statali creando addirittura debito publico ?
    Grazie per l’attenzione .

  2. In Italia manca la volontà di creare delle figure professionali che operino a vario titolo nei musei pubblici e privati in grado di promuovere l’esposizioni museali proiettandole verso una dimensione che superi quella nazionale per garantirne una crescita che potenzialmente darebbe occupazione stabile a migliaia di persone inoccupate o disoccupate nelle diverse fasce d’età. Secondo il mio punto di vista le cause sono diverse, la politica ha sempre trascurato i beni culturali spesso visti come un fastidio per la manutenzione che richiedono i monumenti italiani, i nostri politici potrebbero prendere d’esempio le buone prassi del primo governo prodi che sul finire degli anni novanta si invento un iniziativa senza precedenti: destino una parte dei proventi del lotto e delle lotterie nazionali alla manutenzione e restauro dei monumenti. Molto potrebbero fare le università italiane che invece preferiscono promuovere Master inutili in discipline che non creano posti di lavoro quando forse basterebbe creare corsi di laurea di scendo livello multidisciplinari,tagliandone alcuni infruttuosi per l’occupazione, aperti a laureati di varia provenienza o promuovere dei corsi di alta formazione che formino delle figure professionali con una preparazione solida nella gestione dei beni culturali. Scusa se mi sono divagato e forse non ho risposto alla tua domanda ma amo il patrimonio artistico del mio paese e quando vado all’estero e vedo come vengono valorizzati i musei egli spazi espositivi ,vedi il Predo di Madrid di cui il Direttore è un italiano di 47 anni,non posso non fare un confronto impietoso con il nostro paese.

  3. L’Italia va male perchè ogni professione è improvvisata per cui nessuno è competente del mestiere che esercita.
    In Finlandia, per esempio, anche lo spazzino è professionale. Tanto per iniziare, tutti hanno l’obbligo di andare a scuola fino a 18 anni ed i più meritevoli ci vanno gratis.
    Per cui anche chi fa il lavoro più umile è colto.
    In Italia i sindacati obbligano all’assunzione tutti i loro iscritti, e sono i più protetti e più fannulloni, una pletora da portare avanti senza avere nulla in cambio che l’incompetenza. E così via.
    Le persone brave se non sono raccomandate non trovano lavoro.
    Dopo il ’68, che ha rovinato l’Italia, il mestiere non viene insegnato a nussuno, neppure ai carabinieri poveretti che si fanno sparare senza essere capaci di reagire.
    Tutti gli incapaci rimangono in Italia e quelli cha hanno voglia di lavorare ed imparare vanno all’estero perchè sanno che esiste la meritocrazia..

  4. LE SPLENDIDE MURA DI LUCCA!! NEL 2013 SONO BEN 500 ANNI DALLA LORO COSTRUZIONE URGE UN GROSSO SFORZO ECONOMICO PER UN MOMUMENTO UNICO IN TUTTO IL MONDO.. VORREI RICORDARE CHE IL COLOSSEO LO RIFARà DELLA VALLE E LA TORRE DI PISA è STATA RISTUTTURATA DA POCO

  5. SAI la ipocresia degli italiani non a limite” SALVIAMO LORO MONUMENTI “nell fratempo loro distrugono paesaggi unici al mondo come le zone di AYSEN en chile
    dove costruiscono dige chè servono ad inquinar è ditrugere. cuando la popolacion
    se opone ti minaciano ,fano la voce grossa come se fosseno loro y propietari mi scordabo BACIAMO LE MANI é ILLORO MOTO ……………….

  6. Oltre a salvare i monumenti sempre cosa utile di ritorno di cultura ,monetario , di pregio per l’Italia e gli Italiani cosa fatta quasi sempre solo “quasi” unicamente in positivo per città e siti d’arte super conosciuti..BISOGNEREBBE anche farlo per i paesi e monumenti italiani SCONOSCIUTI alle cronache anche da chi li abita!
    Dove capita ASSAI SPESSO questi paesi ricchi d’arte non vengono toccati minimamente dal turismo ANZI si creano vere e proprie scelleratezze DISTRUTTIVE su quanto di antico esiste ! Cementificando tutto! Coprendo affreschi..asfalto su strade antiche mediovali..capitelli cementifati ..portici ridotti a rovina etc. etc, Aggiustando restaurando codesti paesi DIMENTICATI si crea anche lavoro ! Ci sono ampi finanziamenti a riguardo Italiani ed Europei che TANTI Comuni NON richiedono! E lasciano tutto andare in malora…
    Senza contare le palazzine anni 1960 -70 …CONFICCATE nelle cinture di palazzi antichi e belli a vedersi da contemplare…ma se ci fate caso in tanti centri storici ci sono IN MEZZO queste PALAZZINE che sono un vero pugno in un occhio! Oppure finestre a bifore con dentro finestre squadrate di alluminio! Terrazini di brutto cemento conficcati su affreschi e disegni in mattoni pietra architettonici..ed il solito cemento intonaco coprente…
    Insomma bisogna VALORIZZARE l’intera Italia e non solo i soliti posti già conosciuti da tutti ! é bello scoprire anche altro! E RESTAURARE ALTRO! E le bruttezze anni 1960-70 avere il coraggio di abbatterle o almeno le facciate rifatte come quelle storiche adiacenti..compresa la sopraellevata di Genova fatta dove prima esisteva una passeggiata di marmo per ammirare porto mare e palazzi..ed anche qui il solito palazzo di cemento in mezzo..e cancelli nati dal 2008 che precludono il camminare nel centro storico più vasto d?Europa..Genova billenaria ma i cancelli chiudono il vedere camminare a turisti ed abitanti..e le macerie della seconda guerra mondiale..ampiamente prsenti..Povera casa di Nicolò Paganini..divorata come Via Madre di Dio dal vetrocemento..
    SERGIO MORANDO.

    :

  7. L’ITALIA è tutta un monumento,servirebbe un pò di buona volontà da parte di chi stà governando……………. siamo allo sfascio economico figuriamoci se qualche pensa hai nostri beni culturali…………….alle poltrone si che ci pensano; eccome

  8. basta eliminare, le provincie,tagliare i senatori e deputati le auto blu, le consulenze esterne politiche.sai quanti milioni di euro avrebbe il governo a disposizione per ristrutturare tutti i siti archeologici italiani? nella campagna elettorale il sig berlusca avveva promesso tutto ciò,promesse non mantenute, quindi in futuro non voterò e non farò votare ,quindi governo datevi una mossa

  9. Aggiungerei altri MONUMENTI VITALI DA SALVARE PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI:
    – Le foreste
    – Il verde a vantaggio della cementificazione
    – l’acqua
    – l’aria

    Tra qualche centinaia di anni i monumenti in pietra che ieri, oggi e domani vengono salvaguardati, saranno inevitabilmente “inghiottiti” da opere murarie e metalliche: dalle Alpi alla Sicilia passando per la Sardegna e utte le isole

  10. E mettere su..SATELLITE tutti i paesi città metropoli con monumenti italiane etc. da salvare..compreso foreste fiumi laghi spiagge in continua OSSERVAZIONE..se ad esempio si cementifica una spiaggia e sopra vi stanno costruendo di tutto..noi il MONDO intero può FERMARE gli scempi continui su natura ed arte..ci vuole almeno un Ente pronto ad intervenire realmente..pensate che ciò si possa fare?
    Sergio Morando

I commenti sono chiusi.