Italia, migliore meta per il ‘sì’

L’Italia è il Paese più romantico del mondo. La conferma l’ho avuta questa mattina quando ho letto la notizia di Wesley Sneijder, il calciatore, che ha scelto il Belpaese per dire il fatidico ‘sì’. Per sposarsi ha optato per la chiesa dei Santi Giusto e Clemente a Castelnuovo Berardenga, sulle colline senesi – il cosiddetto Chiantishire – e ha organizzato il ricevimento in una delle location più prestigiose della zona. Sneijder non è l’unico ad aver preferito il nostro Paese rispetto al proprio. La top model Naomi Campbell si unirà in matrimonio con il magnate russo Vladislav Doronin in una villa palladiana del vicentino. Le nozze più fastose degli ultimi anni sono state però quelle tra Tom Cruise e Katie Holmes, che hanno scelto il meraviglioso Castello di Bracciano, in provincia di Rieti, per le loro nozze.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DELLE LOCATION ITALIANE SCELTE DAI VIP)

Un altro calciatore straniero, Wayne Rooney, si era sposato a Portofino e l’altra attrice, Mena Suvari (la protagonista di American Beauty), si è sposata di recente in una cappella privata vaticana. I primi a dare l’esempio furono i mitici Tyrone Power e Linda Christian che, nel 1949, scelsero la chiesa di Santa Francesca romana a Roma. Se anche voi siete in procinto di sposarvi, non andate troppo lontani. Restate in Italia, il più bel Paese del mondo! Poi, per il viaggio di nozze potete anche partire…

Micro hotel sull’albero

treehotel-camera-470.jpg

Una volta era la casetta sull’albero che i bambini americani si facevano costruire nel giardino di casa. Quando li guardavo in Tv da piccola provavo una grande invidia, devo ammetterlo! E forse è stato così anche per gli architetti che oggi, cresciuti, si sono portati dietro questa reminiscenza infantile e hanno inventato degli hotel incastrati tra i rami degli alberi (GUARDA LE FOTO). Micro hotel che misurano 4×4×4 metri con micro camere per due persone, ma, all’interno, dotati di ogni comfort. Oltre alla zona notte, hanno anche il bagno, la cucina, il salottino e persino un terrazzo. Le camere sono tutte diverse l’una dall’altra: una è addirittura triangolare e un’altra a forma di UFO. La Mirror House, per esempio, ha l’esterno fatto di vetro a specchio, così da potersi camuffare tra gli alberi, mentre dall’interno si ha una meravigliosa vista panoramica del bosco.

Altre sono dei cubi, arredati in stile minimal tipo Ikea. Per accedere alle stanze ci si arrampica su di una scala fatta di corda. In comune per gli ospiti c’è anche la sauna, sempre su un albero. I treehotel si trovano ad Harads, nel nord della Svezia, dove gli alberi non mancano di certo e dove la cultura del legno fa parte del loro Dna. L’idea degli hotel green è molto bella, non trovate? L’unica cosa è che bisogna sborsare 190 euro per una camera singola e 360 per la doppia. A questo punto mi domando: perché le cose migliori sono sempre le più costose?

Roma, la città più visitata

Roma-470.jpg

Evviva! Roma è stata dichiarata la meta più gettonata dai turisti di tutto il mondo per trascorrere le vacanze estive. Non è un notizia fantastica? Lo ha detto il sito hotel.info che ha condotto un sondaggio stilando la classifica delle tre città più amate. Dopo Roma vengono Barcellona e Budapest, altrettando meravigliose. Nelle tre città i soggiorni arrivano fino a cinque giorni. Ottimo, visto che solitamente a Roma si resta al massimo 2 o 3 notti. Roma, in effetti, ha molto da offrire ai turisti, dalla Fontana di Trevi a Castel Sant’Angelo, da Piazza Navona al Foro Romano (GUARDA LE FOTO). Da agosto sarà addirittura possibile visitare i sotterranei del Colosseo, off-limits dagli Anni ’70.

Alla faccia di chi, come il New York Times, sostiene che Roma stia ‘sbriciolando le sue antichità’. Quasi quasi il prossimo weekend faccio un salto a Roma, devo solo scegliere se seguire l’itinerario classico o uno più ‘giovane’. Voi cosa mi consigliate?

10 nude beaches in Italy

63671441.jpg

In this hot summer, we all want to take off our clothes. Some people consider too cumbersome even a bikini! Not for me, but if you are among those who love naturism, while surfing the web I discovered the best nude beaches in Italy (BROWSE THE PHOTOGALLERY). They’re not so common, since most of these shores are abroad, namely in Croatia and France. Most of the beaches where it’s allowed to fully undress are in Tuscany, on the Elba Island and on the Adriatic Coast. You can also find some of these in Southern Italy and Sardinia. Among the best known are Lido di Dante, near Ravenna, Marina di Bibbona, near Livorno and Capocotta Beach (near Rome, very well-known by the gay community).

 

But some of the most coveted are the beach of Porto Ferro near Alghero, with a clear blue sea, Capalbio, the well re-known VIP beach near Grosseto (toward the south, near the WWF Oasis), and Guvano Beach, near the Cinque Terre, where, however, you have to pay a 5 euro entrance-fee to enter.

Sul treno dei Maharaja

Se non siete mai stati in India, ecco un modo unico e indimenticabile per visitare alcuni dei luoghi più suggestivi del Paese: a bordo di un treno superlusso, il Maharajas’ Express (GUARDA LE FOTO). Sono quattro gli itinerari che percorrono le perle del Rajasthan, Agra (dove si trova il Taj Mahal), Jaipur, Jodhpur – la città blu -, Udaipur, Khajuraho (patrimonio Unesco) e che durano una settimana: l’India dei Principi, l’India Reale, l’India Classica e l’India Celestiale. Anche i prezzi sono di lusso! Ma volete mettere dormire in una suite reale tra sete e velluti, cenare con piatti di porcellana fine e bicchieri di cristallo e avere un sacco di personale – con tanto di turbante sulla testa – sempre a vostra disposizione?

Per chi vuole provare l’ebbrezza di vivere come un vero Maharaja, contenendo però i costi, ecco una buona notizia: l’anno prossimo ci saranno anche due mini-itinerari di 3 o 4 giorni, Jewel of India e Splendor of India, per una toccata-e-fuga tra le località più affascinanti dell’India e per respirare il fascino di una volta, sentendosi re e regine per una notte. L’idea mi alletta moltissimo, a voi no?

10 ristoranti con viste spettacolari

ristoranti.jpg

Esistono molte classifiche che mettono in fila i ristoranti di ogni parte del mondo, quasi tutte volte a premiare gli chef o la cucina. Ma quali sono quelli che offrono una vista impagabile, perfetto sfondo per una cenetta romantica o di classe? Travelphant.com ha provato a stilare una classifica e devo dire che le scelte sembrano davvero azzeccate. Mangiare appesi a un albero in un’isola thailandese sembra essere il non plus ultra, così come sulla terrazza di un ristorante sul bordo di un lago guatemalteco.

(GUARDA LA FOTOGALLERY CON LA CLASSIFICA)

Anche in città si possono avere sfondi incredibili, come per esempio a Mosca e a Hong Kong, per non parlare dei panorami regalati dalle montagne del Canada o dal mare del Madagascar. Peccato che non abbiano scelto nessun ristorante italiano, a mio parere qualcuno poteva tranquillamente entrare in classifica… Voi che ne dite, ne avete qualcuno da segnalare?

A Pamplona per la festa di San Fermin

festa-san-fermin-pamplona-470.jpg

A Pamplona è iniziata la festa de San Fermin, conosciuta soprattutto per la corsa dei tori, una sorta di corrida cittadina per le strade del centro dove i mozos (i corridori vestiti di bianco con fazzoletto rosso al collo) sfidano la morte facendosi inseguire da un branco di tori.

Già 2 feriti nel primo encierro (la corsa davanti al gruppo di tori) della mattinata di mercoledì: sono un australiano di 18 anni di Melbourne e uno spagnolo di 20 di Saragozza. Quest’ultimo, colpito ad un occhio, è già stato dimesso. Più gravi invece le condizioni del ragazzo australiano, che ha riportato fratture alle prime tre vertebre lombari ed è stato ricoverato in traumatologia (GUARDA LA FOTOGALLERY).

Bar, club e negozi sono pronti per i 10 giorni di baldoria (dal 6 luglio al 15 luglio). La sera concerti, fuochi d’artificio e bande musicali animano la città fino a tarda notte.

Così come la corrida anche questa ‘corsa’ scatena ogni anno le proteste degli attivisti che si battono contro la mattanza dei tori. Purtroppo, però, questa festa tradizionale, sicuramente colorata e spettacolare, richiama in città un numero sempre crescente di turisti e curiosi e ogni anno si contano numerosi incidenti e qualche ‘incornata’ provocata dai poveri tori infuriati. Nel video la protesta del 2010.

I fuochi d’artificio del 4 luglio negli Stati Uniti

fuochi-4-luglio.jpg

Negli Stati Uniti , il 4 luglio, festa nazionale dell’Indipendenza, per i cittadini americani è una giornata ricca di tradizioni che si ripetono uguali ogni anno. Parate, barbecue con gli amici, cinema e, alla sera, fuochi d’artificio. L’Independence Day senza gli spettacoli pirotecnici non sarebbe la stessa cosa e c’è da dire che alcuni, sull’acqua o in mezzo ai grattacieli sono davvero imperdibili (GUARDA LE FOTO).

Io ho avuto la fortuna di assistere a un 4 luglio a New York, qualche anno fa, e vi devo dire che è davvero un’esperienza fantastica, soprattutto per l’orgoglio di essere americani che si sprigiona in ogni partecipante delle parate. A New York, ma anche a Boston, a Miami e nelle altre metropoli statunitensi vale proprio la pena passare una giornata mischiandosi tra la folla e lasciandosi trasportare dall’entusiasmo.

La più bella strada del mondo

jebel-hafeet-01.jpg

Definita “The Greatest Driving Road in The World” dal sito edmunds.com, la Jebel Hafeet Mountain Road si trova negli Emirati Arabi Uniti, nelle vicinanze di Al-Ain ad Abu Dhabi. D’accordo, ne esistono di più belle dal punto di vista panoramico, ma questa sembra essere il banco di prova ideale per le macchine sportive e non. E’ la strada che porta alla sommità della Jebel Hafeet Mountain, il picco più alto degli Emirati, a 1240 metri sul livello del mare.

jebel-hafeet-02.jpg

11,7 km di lunghezza, 1.219 metri di dislivello, 60 curve e una pendenza media dell’8%. Il tutto con un asfalto perfetto, tre corsie (due per la salita e una per la discesa); offre tutto quello che un pilota può desiderare e dalle immagini via satellite fa davvero impressione.

jebel-hafeet-03.jpg

Alla sommità ci sono solo un parcheggio, un chiosco, un hotel, un palazzo appartenente ai sovrani e un’incredibile vista di Abu Dhabi. E’ un banco di prova impegnativo per i costruttori di automobili, con temperature che in estate oltrepassano i 40°. Mi sa che la prima volta che capito da quelle parti, noleggio una bella spyder potente e vado a provarla…