Il turismo uccide i paradisi

pericolo-turismo-470.jpg

Viaggiare è la cosa più bella del mondo e, ormai, tutti si muovono e vanno ovunque. Anche nei luoghi più reconditi della Terra. A questo punto, però, sorge un problema: molti monumenti e luoghi incontaminati stanno per essere distrutti dal turismo di massa. Il sito GreenMe ha stilato la classifica delle località maggiormente rovinate dai turisti. Mi è bastato leggere le prime dieci (SFOGLIA LA TOP 10) perché mi tremassero le vene ai polsi. L’area più in pericolo al mondo è il Machu Picchu, sulle Ande, in Perù, Patrimonio dell’Umanità. Da quando è stata scoperta (1911), ci sono passati milioni di visitatori ogni anno. Al secondo posto si trova la Grande Barriera Corallina, in Australia, formata da miliardi di organismi viventi e, talmente vasta, da essere visibile dallo spazio! Le terze a trovarsi in pericolo per via del turismo sono le Isole Galapagos, Ecuador, tanto che il governo aveva pensato di ‘chiuderle’ definitivamente. Per ora il pericolo è scampato, ma non è detto…

Oltre ai paesaggi naturali, però, ci sono antichi monumenti che stanno subendo un serio deterioramento. Come il sito archeologico di Teotihuacan, in Messico, le rovine di Angkor Wat, in Cambogia, Stonehenge, in Gran Bretagna (dove, solo lo scorso 21 giugno, si sono radunate 20mila persone!), il Taj Mahal, in India. Guardate quanta gente sta viaggiando su questo treno, per esempio. Non vi sembra esagerato?

Il turismo uccide i paradisiultima modifica: 2010-06-24T12:49:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Il turismo uccide i paradisi

  1. si é vero che tanti paradisi del mondo, per colpa dei turisti e non solo, ma anche
    dagli stessi abitanti del posto stanno spegnendo l’antico splendore di incontamina-zione ! io vi parlo di Mauritius una piccola isola nel mezzo dell’Oceano Indiano, cosa
    non hanno costruito negli ultimi 5 anni !!!! qui la colpa di chi é, del governo del luogo, degli ok all’edilizia spropositata !!!!
    é vero, vivono di turismo, ma tutto deve essere limitato se vogliamo contenere i danni !!! e chi li ferma i magnate dell’imprenditoria ? abbiamo visto nella nostra
    bellissima Sardegna, la Costa Amalfitana, Capri, Ischia, il Gargano ecc. cosa non sono diventati negli ultimi anni ???
    cosa possiamo fare per fermare questo scempio ?
    io amo viaggiare, tutto nel limite del possibile e rispettando soprattutto la natura !
    mi auguro che con il trascorrere dei giorni tante altre persone possano ragionare
    come me e dire basta e poter fermare le ruspe … ???
    auguro a noi tutti di rinsavire, riflettere e gridare basta aaaaa !!!
    ciao a tutti
    lb

I commenti sono chiusi.