Gli aeroporti più strani del mondo

saba-airport.jpg

Viaggiando spesso, mi è capitato di visitare parecchi aeroporti in giro per il mondo, ma mai come quelli che potete vedere in questa fotogallery. Come potete immaginare, una pista di atterraggio e decollo, deve essere abbastanza lunga per permettere l’arrivo e la partenza degli aerei e in alcuni casi le soluzioni scelte lasciano davvero a bocca aperta (GUARDA LE FOTO).

L’aeroporto internazionale di Osaka in Giappone, per esempio, è stato costruito su un’isola artificiale distante tre chilometri dalla costa, mentre a St. Maarten, nei Caraibi, gli aerei quasi atterrano in spiaggia. A Gibilterra, invece, la pista di atterraggio attraversa la principale arteria automobilistica del territorio britannico. Oppure ancora, in Francia a Courchevel hanno costruito una pista con pendenza del 18% e a strapiombo sulla vallata sottostante. Un po’ quello che hanno fatto a Lukla, in Nepal, solo che qui il traffico aereo è talmente elevato che ogni giorno si rischiano collisioni come quella sfiorata nel video che potete vedere qui sotto. E voi conoscete altri aeroporti fuori dal comune?

Gli aeroporti più strani del mondoultima modifica: 2010-02-24T16:34:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Gli aeroporti più strani del mondo

  1. Anche quello delle Maldive non è proprio “normalissimo”. In pratica quando sei in fase di atterraggio non vedi la pista fino all’ultimo perchè è in mezzo al mare. a destra e a sinistra si ha solo oceano… non è che sia molto rassicurante 🙁 !
    Stefy

I commenti sono chiusi.