Maldive: una tassa per salvarle

Rihiveli.jpg

Ogni turista pagherà una tassa di 3 euro al giorno per salvaguardare quel paradiso terrestre che sono le Maldive (GUARDA LE FOTO). Lo ha annunciato il presidente Mohamed Nasheed, preoccupato per l’innalzamento del livello del mare e il surriscaldamento della Terra. Insomma, gli atolli delle Maldive (guardateli dal satellitepotrebbero anche sparire! Vi immaginate che tragedia? I giornali dicono che la somma che si raccoglierà in un solo anno grazie alla tassa di soggiorno ammonterà a circa 6 milioni di euro. Non male… Con questo denaro si faranno piani ecologici per salvare l’arcipelago. Per esempio, i tetti dei villagggi turistici saranno rivestiti da pannelli solari (e lì il sole non manca di certo!); ci sarà una nuova centrale elettrica alimentata con i gusci delle noci di cocco; saranno trapiantati i coralli per essere sicuri che non vengano distrutti, così potremo continuare a fare snorkeling e guardare tutti quei pesciolini colorati. Hai qualche altra idea da suggerire? Le raccolgo e le mando al presidente delle Maldive così diamo una mano a preservare il paradiso che c’è in questo video.

Maldive: una tassa per salvarleultima modifica: 2009-09-10T12:01:34+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Maldive: una tassa per salvarle

I commenti sono chiusi.