Bon ton da spiaggia: la top 10

spiaggia-telefonino.jpg

Prima che partiate per le meritatissime vacanze mi piacerebbe farvi alcune raccomandazioni. La vacanza è vostra, ma anche degli altri. Quindi, mi raccomando, comportatevi bene in spiaggia. Sappiate che ci sono alcune cose che agli altri danno molto fastidio. Ecco le 10 cose che non dovrete fare:

1) non parlate troppo al cellulare e neppure ad alta voce
2) non occupate lo spazio altrui allargandovi con telo mare e giochi dei bimbi
3) non bagnate tutti quanti quando vi tuffate
4) non state due ore sotto la doccia pubblica
5) non urlate, a meno che non stiate annegando
6) non giocate a calcetto, racchettoni e quant’altro invadendo mezza spiaggia
7) non ascoltate la radio ad alto volume, portatevi l’iPod
8) non gettate rifiuti nel mare, neppure le cicche delle sigarette
9) non scrollate l’asciugamano pieno di sabbia vicino alla gente
10) non correte sollevando sabbia dappertutto

C’è qualcos’altro che vi da’ fastidio?

E se andate all’estero, state attenti a regole di bon ton e alle severissime leggi locali. Vi conviene, se non volete rovinarvi le vacanze…

Bon ton da spiaggia: la top 10ultima modifica: 2009-07-31T12:01:18+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “Bon ton da spiaggia: la top 10

  1. Sono d’accordo praticamente su tutto, anche se chiudo non un occhio ma due se alcune di queste cose le fanno i bambini, perchè non si rendono conto. La maleducazione di alcuni adulti , invece, a volte da veramente fastidio.

  2. Sono d’accordo praticamente su tutto, anche se chiudo non un occhio ma due se alcune di queste cose le fanno i bambini, perchè non si rendono conto. La maleducazione di alcuni adulti , invece, a volte da veramente fastidio.

  3. E’ vero i malducati sono i genitori spesso cafoni e non i bambini che fanno ciò che dicono loro i genitori

  4. manca una cosa: trovo molto imbarazzante e quindi maleducato quando una donna si fa spalmare la crema sulla parti intime dal l’uomo che ne approfitta per palpeggiare dappertutto soprattutto davanti ad altre presone o addirittura bambini

  5. Sono tutte cose di buon senso, condivisibili e assolutamente vere.
    Personalmente, non sopporto chi si sente padrone della spiaggia e lancia pallonate ovunque, con una preferenza per il “mucchio”, della serie do un calcio alla palla e dove finisce finisce, ah che bello, come sono simpatico.
    Qualche anno fa mi è successo di ricevere una pallonata sul naso mentre stavo sdraiata a prendere il sole; il naso si è gonfiato e, inutile dirlo, il dolore era tanto forte che mi misi a piangere.
    Si fece avanti un tizio che mi guardò e mi disse:”Che fai, me la restituisci la palla?”, senza neppure una parola di scusa. Io la calciai d’istinto lontano, in mezzo al mare. Lui si avvicinò e il mio ragazzo, un vero duro, un uomo vero, si fece da parte. Ci fu un battibecco, mi mandò a fare in c…, e poi se ne andò dagli amici che già avevano ripreso la palla dal mare.
    Contuarono a giocare come nulla fosse.
    Inutile dirlo: il mio ragazzo non è più il mio ragazzo. Ma la palla ogni tanto mi vola vicino, troppo vicino, quando sono al mare…
    Ciao a tutti

I commenti sono chiusi.