I peggiori aeroporti del mondo

Se siete grandi viaggiatori come me vi sarà capitato di trovarvi a fare scalo in aeroporti che lasciano molto a desiderare. Il sito sleepinginairports.net ha raccolto i commenti di migliaia di viaggiatori in giro per il mondo e ha stilato una classifica dei dieci peggiori aeroporti del mondo, basandosi sulla carenza di sicurezza e di facility negli scali, mancanza di poltrone comode per le lunghe soste, personale scortese e altre inadeguatezze. Nella top 10 ci sono anche due scali italiani: Orio al Serio (BG) e Pisa. Il primo posto, però, è occupato dall’aeroporto di Manila, nelle Filippine. File interminabili, terminal vecchi e bagni sporchi hanno pesato sul voto unanime.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEI 10 AEROPORTI PEGGIORI DEL MONDO)

Al secondo posto si trova l’aeroporto di Parigi Beauvais e al terzo il Keflavik di Raykjavik, in Islanda, che molti passeggeri hanno avutro modo di sperimentare durante l’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull. La classifica prosegue con l’aeroporto di Bergamo (4° posto), Kiev, in Ucraina (5°), Francoforte (6°), l’aeroporto Luton di Londra (7° posto), Pisa (8°), penultimo Parigi Charles de Gaulle (ma solo i terminal 3, 2A, B, C, e D) e infine l’aeroporto di Los Angeles. Siete d’accordo con questa classifica o volete suggerire altri aeroporti?

Attrazioni turistiche gratuite

attrazioni,turistiche,gratis

Parola d’ordine: risparmio. I veri amanti dei viaggi, anche in periodo di crisi non riescono a rinunciare a girare il mondo. La soluzione al problema “economico” è rappresentata dai viaggi low cost. Eccovi 10 posti da visitare senza sborsare un soldo, uno spunto per un viaggio all’insegna del risparmio. Se andate a Londra ricordatevi dei Roof Gardens, 6.000 mq di giardini nel cuore della city. La Boca, Caminito e Calle Lanin sono tra i quartieri più particolari di Buenos Aires.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DELLE ATTRAZIONI TURISTICHE GRATUITE)

Parc Güell è una buona scusa per visitare Barcellona. Non dimenticate di passare per San Pietro, la più grande chiesa cristiana del mondo. Una visita la merita anche Notre Dame, l’affascinante cattedrale parigina. Lo Smithsonian Institution di Washington offre la possibilità di visitare gratuitamente diversi musei e un parco zoologico. Assolutamente da vedere l’ultimo tracciato del muro di Berlino, 1,3 Km di graffiti e murales sul tema della pace. Il Grand Bazaar di Istanbul è un luogo dove poter incontrare diverse culture. Anche il Duomo di Milano è visitabile gratuitamente, un fascino senza tempo. Infine se passate per New York ricordatevi di andare alla Public Library. E voi, avete altre attrazioni gratuite da consigliarci?

Ostelli a 5 stelle

Non ci sono più gli ostelli di una volta, con camerate, bagni in comune, sporcizia e rumore. Oggi anche gli ostelli si sono rifatti il look. Pur mantenendo il concetto della stanza in comune, molti offrono anche camere singole e doppie con tanto di toilette. Insomma, nessuna differenza tra un ostello e un albergo, se non per il costo che rimane sempre piuttosto basso (intorno ai 20 euro a notte). Belli, di design, con ogni tipo di comfort, il sito di Hostelsclub.com ha selezionato i 10 migliori ostelli in giro per il mondo: ce n’è uno anche a Sorrento, con tanto di centro wellness.

(GUARDA LE FOTO DEI 10 OSTELLI PIÙ BELLI DEL MONDO)

Se avete in programma un viaggio a Londra, per esempio, non perdetevi il Piccadilly Backpackers Hostel dove ogni stanza è stata decorata da un writer. Un ostello votato all’arte è l’Art Hostel di Sofia, dove vengono anche organizzate mostre. Si rivive l’atmosfera tipica della DDR tra il mito della grafica e il design industriale della Germania dell’est nell’ostello di Berlino, il Das DDR-Hostel. Vi è venuta voglia di partire subito?

Le compagnie aeree più sicure

Avete paura di volare? Be’ è arrivato il momento di farvela passare perché viaggiare in aereo non è mai stato così sicuro come adesso. Le statistiche parlano chiaro: il rischio di non sopravvivere a un volo è uno su 13,2 milioni, pari allo 0,000008%. Quindi mettetevi bene in testa che volare non è più così rischioso e poco sicuro come un tempo. Oggi, infatti, viaggiare in macchina è 63 volte più pericoloso che spostarsi in aereo. Quindi, una volta preso posto sull’aereo, allacciate le cinture di sicurezza e rilassatevi.

(GUARDA LE FOTO DEGLI AEREI PIÙ DIVERTENTI DEL MONDO)

Inoltre non sono solo le grandi compagnie a garantire un volo in tutta sicurezza perché anche quelle low cost sono sicure. Infatti, le aerolinee “no frills” godono di una fama non del tutto positiva, ma decisamente immeritata, considerando il fatto che le uniche tre compagnie che non hanno mai registrato incidenti mortali sono Easyjet, Ryanair e Southwest. Infine, sempre statistiche alla mano, il 40% degli incidenti avviene in fase di atterraggio e solo 17% al decollo. E i nuovi sensori hi-tech hanno dimezzato gli incidenti in fase di discesa, come l´impatto contro le montagne. I posti più sicuri? Quelli posteriori. Ma se neanche queste informazioni riescono a tranquillizzarvi, pensate che ogni anno in America perdono la vita più persone su un motoscafo in vacanza che in volo.

Estate: disagi per chi viaggia

myair.jpg

Con l’arrivo dell’estate iniziano anche i disagi per chi viaggia. La compagnia low cost MyAir, che rischia il fallimento, ha lasciato a terra migliaia di passeggeri negli ultimi giorni. E, come se non bastasse, per il suo comportamento scorretto ha avuto lo stop dall’Enac (l’ente nazionale dell’aviazione civile) che ha sospeso la licenza alla compagnia aerea che, quindi, non può più volare fino a nuovo ordine. Tantissimi i passeggeri che hanno pagato il biglietto e che hanno scoperto della cancellazione del loro volo solo una volta arrivati all’aeroporto. Da Torino a Venezia a Bari a Palermo, tutti giù a dormire nell’aeroporto. Addio Parigi, addio Madrid, addio Casablanca… L’alternativa: comprarsi un nuovo biglietto aereo per le vacanze. L’Alitalia si deve essere detta: “Piatto ricco mi ci ficco!” e ha attivato immediatamente tariffe agevolate per i passeggeri sedotti a abbandonati. Davvero sconcertante… non trovate? Intanto, telefonoblu.it sta raccogliendo le denuncie dei passeggeri. Continuerò a seguire da vicino la vicenda perché mi metto nei panni di questi poveretti. Voi no?

Ryanair, nuovi costi aggiuntivi?

ryanair_toilet_paper.jpg

C’è da capire se Michael O’Leary, CEO di Ryanair, sia un vero genio del marketing, oppure se sia una persona in grado di trarre profitto da ogni più piccolo particolare dei suoi aerei. Di recente abbiamo appreso che l’andare in bagno sui voli Ryanair potrebbe avere un costo aggiuntivo, ma il futuro potrebbe riservarci simpatiche sorprese. Facendo seguito alle reazioni di migliaia di viaggiatori, la compagnia low cost irlandese ha deciso di indire un concorso per premiare la proposta più interessante per favorire i ricavi accessori e abbassare le quote base. Chi invierà sul sito l’idea più originale (e attuabile) verrà premiato con 1.000 euro in contanti e vedrà applicata la nuova tariffa su tutti i voli della compagnia. Ecco alcune delle idee già pervenute a Ryanair:

– Far pagare per la carta igienicacon la faccia di O’Leary su di essa
– Tariffa di €2,50 per leggere le carte sulla sicurezza
– Tariffa di €1 per utilizzare le maschere dell’ossigeno
– Tariffa di €25 per utilizzare l’uscita d’emergenza
– Tariffa di €50 per l’equipaggio in bikini

Intanto la discussione in Rete (e sul nostro blog) si sta animando, con proposte sempre più strane. Avete voglia di dire la vostra?

Io stavo pensando che pagherei volentieri un paracadute per potermi lanciare quando voglio durante il volo…

Hotel a Zero Stelle

 

Si chiama proprio Null Stern Hotel, hotel a zero stelle, e si trova a Sevelen, nella Svizzera nord orientale, più precisamente nel Canton San Gallo. Un tempo bunker nucleare, l’albergo si trova ad alcuni metri sotto terra. Non è l’ideale per chi soffre di claustrofobia, ma è certamente sicuro… a prova di bomba.
Inoltre è davvero low cost, il costo di una notte dovrebbe aggirarsi tra gli 8 e i 16 euro. E’ stato testato in questi giorni e sarà inaugurato nel 2009.
Che sia il capostipite di una nuova catena di alberghi, la Zero Stelle?! 

Un biglietto del tram per scoprire Budapest

 

 
Giuseppe e Laura, hanno un blog di viaggi con consigli molto utili.
Budapest in tre giorni” è un diario conciso e lineare, ideale per un weekend nella città ungherese. Oltre ai siti da non perdere, i due viaggiatori suggeriscono di scoprire i monumenti più importanti e i luoghi più significativi della città con lo storico tram 2, pagando il costo di un biglietto normale.

Indovina chi viene a casa

 

Per chi sta cercando un alloggio a: New York, Boston, Chicago e Toronto, ho scovato questo “social rental” dove poter affittare case, loft, monolocali e stanze per un breve periodo, solitamente arredati e vuoti (i padroni di casa dovrebbero essere assenti!).
E’ un servizio davvero originale, veloce e funzionale. E ci sono un sacco di proposte convenienti.
Il sito si chiama Roomorama.