10 luoghi da vedere nella vita

skeleton-coast-namibia-470.jpg

Ci sono dei luoghi che, prima di passare a “miglior vita“, vanno assolutamente visti. Lo dice la scrittrice Patricia Schultz nel suo libro “1000 luoghi da vedere nella vita“. Siti storici, piramidi, antiche rovine, città perdute, eventi, festival, grandi alberghi, l’attrazione che proviamo per questi posti sconosciuti è ancestrale nell’uomo e lo spinge a godere appieno il mondo in cui vive, viaggiando verso mete incantevoli. Anche voi la pensate così? Be’, allora non vi resta che puntare il dito sulla cartina geografica e partire.

(GUARDA LE FOTO DEI 10 LUOGHI DA VEDERE NELLA VITA)

Se proprio non riuscite a visitare tutti i mille i posti consigliati, ne abbiamo scelti dieci imperdibili. Non volete andare troppo lontano? L’Europa offre posti incantevoli e surreali come il castello del Conte Dracula in Romania e il villaggio di Babbo Natale in Finlandia. Meravigliosi pure il castello di Windsor e le Highlands scozzesi. Se poi volete spostarvi di continente anche l’Africa offre un vasto repertorio di luoghi mozzafiato: dalle grandi piramidi di Giza al Masai Mara del Kenya dalla Skeleton Coast della Namibia, per non parlare dei monti Drakensberg del Sudafrica. Non sono da meno la città di Petra in Giordania e il delta del Mekong in Vietnam. E voi cosa ne pensate?

Le sculture sottomarine

3_anthropocenewtmk-470.jpg

A Cancun, in Messico, a nove metri sott’acqua ci sono circa 400 sculture sottomarine realizzate prendendo a modello degli esseri umani reali. L’autore di questa particolare esposizione è l’inglese Jason deCaires Taylor. Le statue sottomarine, posizionate a dieci minuti dalla costa, non sono i resti di un tesoro nascosto o il bottino di un vecchio galeone affondato, ma fanno parte di un vero e proprio museo, il Museo Subacuático de Arte, fondato già da tempo e a cui ora sono state aggiunte 50 statue.

(GUARDA LE FOTO DELLE SCULTURE SOTTOMARINE)

L’obiettivo dell’artista è quello di far sì che coralli e alghe facciano la loro dimora nelle statue e che queste allentino la pressione dei turisti sulla barriera corallina, già messa a dura prova dall’inquinamento marino, dal riscaldamento delle acque e dalla pesca selvaggia. Le figure sono umane e a grandezza naturale. I personaggi variano da un bambino di 3 anni di Santiago, a un nonno di 85 anni di Rosario, e includono un ragioniere, un maestro di yoga, un acrobata, un uomo al computer e una giardiniera. Il museo, una delle più grandi attrazioni subacquee al mondo, è un progetto che cerca di coniugare arte ed ecologia. Vi piacerebbe fare un’immersione per visitare questo mondo sottomarino?

Gratis alle Maldive (se aiuti)

Se volete andare alle Maldive ma non potete spendere un euro, ecco una proposta intelligente. Una catena di resort di lusso promette una vacanza gratis di cinque giorni in cambio di un po’ di volontariato (5 ore al giorno). Data la bellezza della isole (GUARDA LE FOTO) ne vale assolutamente la pena! Nella maggior parte dei casi non serve saper fare nulla, quindi tutti possono offrirsi, purché abbiano voglia di dare una mano. Per esempio, si può contribuire a piantare alberi per ridurre l’anidride carbonica nell’atmosfera. Si possono impartire lezioni in qualunque materia all’interno delle scuole locali.

Chi ha maggiori competenze può insegnare ai maldiviani degli atolli a conservare l’ecosistema marino tramite lezioni ai sub oppure a gestire le risorse locali per ridurre gli sprechi o addirittura fornire supporto per aiutare le comunità a incrementare il proprio reddito. Le attività devono essere legate allo sviluppo dei villaggi, dalla costruzione delle case alla raccolta dei rifiuti. Vi sono già venute in mente un sacco di idee? Cosa aspettate a fare la valigia allora! Si può partire dall’1 giugno al 12 ottobre. Ecco uno degli atolli dove potrete andare.

Mar Rosso: cena vista pesci

bar-sotto-mare-mar-rosso470.jpg

Vi ricordate del famoso ristorante sotto il mare alle Maldive? Ebbene ne esiste uno altrettanto spettacolare, il Red Sea Star, molto più vicino: sul Mar Rosso. Si trova a Eilat, in Israele, ed è meraviglioso (GUARDA LE FOTO)! Non c’è solo il ristorante, ma anche il bar, quindi si può consumare solo un drink sullo sfondo corallino. Ha ampie finestre tutte intorno e persino sul soffitto, per guardare i pesciolini colorati che passano davanti. Si trova 6 metri sotto il livello del mare, quindi possono accedervi tutti senza problemi.

Per arrivarci, si cammina su una passerella che dalla riva porta in mezzo al mare e poi si scende giù, negli abissi. Anche l’interno del locale è arredato a tema (marino). E’ praticamente un osservatorio sotto il mare unico al mondo e aperto a tutti. Se vi capita di andare da quelle parti, non perdetevi questo spettacolo!

Manila, faccia a faccia coi pesci

A Manila, nelle Filippine, è stato appena inaugurato uno dei più grandi oceanarium che esistano, un enorme acquario dove possono entrare anche i turisti e nuotare con i pesci colorati e le mante (GUARDA LE FOTO). La vasca si trova nel Manila Ocean Park, uno dei parchi a tema più belli dell’Asia. Per entrare nella vasca si indossa una muta e un aquanaut, uno speciale casco che permette di guardare intorno a sé a 360 gradi e di restare immersi per tutto il tempo che si vuole, senza che finisca l’ossigeno.

Nell’acquario ci si trova faccia a faccia con alcune delle specie marine più belle delle Filippine e di tutto il Sud Est Asiatico, che nel mare aperto, al momento, sono a rischio per colpa degli effetti del Niño che ha surriscaldato la temperatura dell’acqua, come è accaduto alle Maldive e in altri luoghi del nostro povero pianeta.

Maldive, le isole galleggianti

maldive470.jpg

Vi ho già detto che le splendide Maldive sono in serio pericolo per via dell’innalzamento del livello del mare dovuto ai cambiamenti climatici. Le 1200 isole sono al massimo due metri sopra il livello del mare. Quindi, se andiamo avanti prima o poi spariranno dalla faccia della Terra. Ebbene, i maldiviani hanno avuto un’idea geniale: creare dei piccoli atolli galleggianti (GUARDA LE FOTO)!

Il governo maldiviano insieme a una compagnia olandese ha sviluppato questa idea, studiando isole più alte. Ma la cosa più importante è che queste isole non avranno un impatto negativo sui fondali marini né sulle coste lasciandoli così intatti e splendidi come sono ora. Il prossimo passo sarà costruire anche case galleggianti! Non la trovate una bella idea?

Snorkeling, i 10 migliori spot

st-john-us-virgin-islands470.jpg

Se avete voglia di andare al mare in questa stagione, ecco alcune idee che ho trovato in rete. Il sito di Forbes ha pubblicato la classifica dei dieci migliori luoghi al mondo dove fare snorkeling (GUARDA LE FOTO). Pensate che bello lasciarsi cullare dalle onde guardando sott’acqua con maschera e boccaglio i pesciolini colorati! La maggior parte di questi spot si trova nel Mar dei Caraibi, come Turks and Caicos, le Bahamas, le Isole Vergini Americane, ma altri sono concentrati in Oceania, come le Fiji, la Polinesia francese e l’Australia.

Nella top 10 ci sono anche le Hawaii e l’Indonesia. Caverne, fiumi sotterranei, coralli, anemoni di mare, stelle marine e cavallucci. Un vero paradiso! Non vi ho fatto venire voglia di partire? Stranamente, nella classifica non sono stati inclusi né MaldiveMar Rosso. Siete d’accordo?

Maldive: una tassa per salvarle

Rihiveli.jpg

Ogni turista pagherà una tassa di 3 euro al giorno per salvaguardare quel paradiso terrestre che sono le Maldive (GUARDA LE FOTO). Lo ha annunciato il presidente Mohamed Nasheed, preoccupato per l’innalzamento del livello del mare e il surriscaldamento della Terra. Insomma, gli atolli delle Maldive (guardateli dal satellitepotrebbero anche sparire! Vi immaginate che tragedia? I giornali dicono che la somma che si raccoglierà in un solo anno grazie alla tassa di soggiorno ammonterà a circa 6 milioni di euro. Non male… Con questo denaro si faranno piani ecologici per salvare l’arcipelago. Per esempio, i tetti dei villagggi turistici saranno rivestiti da pannelli solari (e lì il sole non manca di certo!); ci sarà una nuova centrale elettrica alimentata con i gusci delle noci di cocco; saranno trapiantati i coralli per essere sicuri che non vengano distrutti, così potremo continuare a fare snorkeling e guardare tutti quei pesciolini colorati. Hai qualche altra idea da suggerire? Le raccolgo e le mando al presidente delle Maldive così diamo una mano a preservare il paradiso che c’è in questo video.

Stai cercando lavoro? Ecco il migliore

L’Ufficio del Turismo del Queensland, ha pubblicato un curioso annuncio di lavoro: cercasi guardiano per l’isola Hamilton, nella Grande Barriera Corallina.
Se l’annuncio è curioso, il resto è a dir poco meraviglioso: un contratto di 6 mesi per 70.000 euro, solo 12 ore di lavoro al mese, una villa di tre stanze con vista mare (vedi foto) e trasporti aerei gratuiti. Tra gli ardui compiti: dare il cibo alle tartarughe e dare un occhio alle balene.
Per maggiori info, clicca qui.

Gli squali dei Caraibi

Siamo in Honduras, nell’Isola di Roatan, vicino all’Isola dei Famosi, ma almeno per quest’anno i “Famosi” hanno tolto le tende!
Redsongfoto ha pubblicato uno splendido fotoalbum subacqueo, dedicando le ultime pagine ai pesci killer dei mari tropicali, gli squali.
La barriera corallina dell’Honduras, assieme a quella del Belize, è una tra le porzioni più ricche di vita dei Caraibi.

Avresti paura a incontrare uno squalo così da vicino come Redsongfot? Rispondi nei commenti