Dare il benvenuto: riti e usanze

benvenuto,riti,usanze,cerimonie,mondo

Ogni Paese ha le proprie tradizioni e ogni Paese ha un modo di accogliere gli ospiti e di dare il benvenuto unico e particolare. Quando si viaggia è importante conoscere bene riti e usanze per evitare gaffe o gesti irrispettosi. Se vi recate in Mongolia, per esempio, sappiate che gli abitanti, quando accolgono un ospite in casa, gli offrono in dono un hada, una striscia di seta o di cotone. Per ringraziare, non dimenticate di fare un leggero inchino, si tratta di un segno di rispetto. Il namasté è un saluto originario delle zone di India e Nepal e viene accompagnato dal gesto di congiungere le mani, facendo al contempo un leggero inchino col capo.

(GUARDA LA FOTOGALLERY E SCOPRI I DIVERSI MODI DI DARE IL BENVENUTO)

In Groenlandia ci si saluta premendo il naso sulla pelle dell’altra persona. I guerrieri della tribù Masai, invece, effettuano una danza che si chiama adamu, la danza del salto. In molti Paesi orientali si è soliti inchinarsi, ci sono però delle piccole sfumature che fanno la differenza. Mentre in Cina le mani si tengono giunte al petto in Thailandia, dalla loro posizione, dipende il grado di rispetto, in Giappone in alcuni casi è opportuno inginocchiarsi. In Nuova Zelanda, invece, la cerimonia di benvenuto è chiamata hongi e consiste nel toccare con fronte e naso la fronte e il naso della persona che si ha davanti. Il modo più divertente di accogliere gli ospiti, a mio parere, è quello tibetano: qui si è soliti tirare fuori la lingua. Ne conoscete altri?

Hotel storici nel mondo

hotel storici,alberghi, mondo

Gli hotel non sono solo semplici luoghi dove soggiornare, delle volte si tratta di veri e propri edifici che hanno lasciato un segno nella storia. Può capitare che queste strutture celino segreti o custodiscano storie importanti. Stiamo parlando di alberghi che magari hanno ospitato teste coronate, come il Reid’s Palace di Funchal in Portogallo, o che sono stati costruiti in posizioni strategiche, come il Las Casas De La Juderia, a Siviglia. Delle volte poi capita che particolari strutture siano utilizzate come set di importanti film, è questo ad esempio il caso del Grand Hotel Rimini, che ha fatto una piccola apparizione in Amarcord.

(GUARDA LA FOTOGALLERY E SCOPRI GLI HOTEL STORICI)

Insomma ci sono hotel che meritano di essere ricordati e che possono essere definiti storici. Trivago.it ha pubblicato una lista dei 10 alberghi storici più importanti. Tra gli altri spiccano il The Willard di Washington, a due passi dalla Casa Bianca, oppure il Grand Hotel de Cabourg in Francia, dove era solito alloggiare Marcel Proust e dove è possibile ammirare negli splendi giardini diverse targhe con le citazioni del famoso scrittore francese. In questo elenco tuttavia non sono citate alcune strutture a nostro avviso molto importanti, come ad esempio il Grand Hotel et de Milan dove hanno alloggiato tra gli altri Gabriele D’annunzio, Maria Callas e Ernest Hemingway, o il Negresco di Nizza la cui cupola è stata progettata da Gustav Eiffel.

I peggiori aeroporti del mondo

Se siete grandi viaggiatori come me vi sarà capitato di trovarvi a fare scalo in aeroporti che lasciano molto a desiderare. Il sito sleepinginairports.net ha raccolto i commenti di migliaia di viaggiatori in giro per il mondo e ha stilato una classifica dei dieci peggiori aeroporti del mondo, basandosi sulla carenza di sicurezza e di facility negli scali, mancanza di poltrone comode per le lunghe soste, personale scortese e altre inadeguatezze. Nella top 10 ci sono anche due scali italiani: Orio al Serio (BG) e Pisa. Il primo posto, però, è occupato dall’aeroporto di Manila, nelle Filippine. File interminabili, terminal vecchi e bagni sporchi hanno pesato sul voto unanime.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEI 10 AEROPORTI PEGGIORI DEL MONDO)

Al secondo posto si trova l’aeroporto di Parigi Beauvais e al terzo il Keflavik di Raykjavik, in Islanda, che molti passeggeri hanno avutro modo di sperimentare durante l’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull. La classifica prosegue con l’aeroporto di Bergamo (4° posto), Kiev, in Ucraina (5°), Francoforte (6°), l’aeroporto Luton di Londra (7° posto), Pisa (8°), penultimo Parigi Charles de Gaulle (ma solo i terminal 3, 2A, B, C, e D) e infine l’aeroporto di Los Angeles. Siete d’accordo con questa classifica o volete suggerire altri aeroporti?

Bernina Express: sconti d’inverno

treno,rosso,bernina,sconti

Amanti delle Alpi e della neve armatevi di tuta da sci e scarponcini, dal 24 ottobre al 4 dicembre il famoso Trenino rosso della Ferrovia Retica propone un’offerta imperdibile, con il solo biglietto di andata è possibile effettuare anche il ritorno. L’offerta è valida per la tratta Tirano-St.Moritz e per i viaggi effettuati sul Bernina Express, il treno con le carrozze panoramiche, per il quale però è necessario pagare un piccolo supplemento. Proprio lo scorso anno la linea del Bernina ha celebrato “i suoi primi” 100 anni.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEL TRENINO ROSSO DEL BERNINA)

Il trenino effettua un percorso che va da Tirano, in Valtellina, fino a Sankt-Moritz, nell’Alta Engadina, per un viaggio che dura circa 4 ore. Nel 2008 il percorso è stato inserito nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Il costo del biglietto è pari a 24 euro, mentre il supplemento per il Bernina è di 7,50 euro. I bambini fino a 6 anni viaggiano gratis, mentre per i ragazzi dai 6 ai 16 anni c’è uno sconto del 50%. Un viaggio che vale sicuramente il costo del biglietto, e a maggior ragione questa è un’occasione da prendere al volo. Uno spettacolo della natura da ammirare in viaggio, lungo un itinerario che è una meravigliosa esperienza, soprattutto in inverno con le montagne innevate.

A Parigi il Salon du chocolat

salon,chocolat,parigi,2011,eventi

Dal 20 al 24 ottobre Parigi si ricopre di cioccolato, per la gioia di grandi e piccini. Al via la diciassettesima edizione del Salon du chocolat, la manifestazione dedicata agli amanti del cibo degli dei, ma soprattutto ai professionisti del settore. Qui è possibile ammirare i maestri cioccolatai a lavoro mentre modellano forme di cioccolato dando vita a vere e proprie opere d’arte.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEL SALON DU CHOCOLAT DI PARIGI)

Dall’Arco di Trionfo a delle statue raffiguranti essere umani, opere straordinarie che fanno parte di un vero e proprio concorso artistico. Il Salon du chocolat 2011 affronta, oltre a quelli qualitativi, anche gli aspetti etici inerenti alla produzione e al commercio del cioccolato. Come gli scorsi anni il salone sarà ricchissimo di eventi tra cui, oltre alle classiche degustazioni, mostre, concerti e défilé con abiti realizzati esclusivamente con il cioccolato.

L’Italia in figurine

venezia470.jpg

Il meglio delle bellezze italiane raccolte in un album di figurine, in uscita il 20 ottobre. Dal Golfo di Napoli a Piazza Navona, a Roma, passando per la Basilica di San Francesco d’Assisi, senza dimenticare le tre imponenti Cime di Lavaredo. Sono solo alcune tra le attrazioni più affascinanti del Belpaese riprodotte in figurine, per un totale di 192 splendide immagini da raccogliere e conservare.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DELLE BELLEZZE ITALIANE)

Il Patrimonio Unesco in Italia”, questo è il nome dell’album dedicato, appunto a tutti i siti italiani proclamati patrimonio dell’Umanità dall’organizzazione delle Nazioni Unite. In Italia c’è la maggiore concentrazione di bellezze storiche, paesaggistiche e artistiche, ben 47 siti sui 936 selezionati nel mondo dall’Unesco. Lo scopo della raccolta è quello di portare i più piccoli a scoprire le bellezze del nostro Paese, il tutto sotto forma di gioco. A differenza delle famose raccolte di figurine dei calciatori, queste hanno un formato più grande, quasi il doppio. Una bella iniziativa per grandi e piccini.

Grattacieli più alti d’Italia

Con la posa della guglia al nuovo grattacielo di César Pelli a Milano, avvenuta lo scorso 15 ottobre (GUARDA IL VIDEO), nel capoluogo lombardo è scoppiata la battaglia dei grattacieli. Finora, infatti, il grattacielo più alto d’Italia era il nuovo Palazzo Lombardia, detto anche Pirellone bis, sede della Regione Lombardia, alto 161,3 metri, che ha soppiantato il caro e vecchio Grattacielo Pirelli che per decenni è stato il grattacielo più alto d’Italia e che ora si piazza solo 6° con i suoi 127,1 m. Con la punta detta Spire, quindi, il Pelli è alto 230 m ed è il grattacielo più alto d’Italia.

(GUARDA LA GALLERY DEI GRATTACIELI PIÙ ALTI D’ITALIA)

Il terzo grattacielo più alto d’Italia sarà la Torre Diamante (140 m) che sorgerà a breve a Milano sempre nella stessa zona del Pelli del Pirellone bis, Porta Nuova. Al 4° posto troviamo la Torre Telecom Italia di Napoli, al 5° la Torre Pontina di Latina. Dopo il Pirelli, il 7° posto è occupato dalla Torre Unipol di Bologna, l’8° e il 9° dalle due Torri Enel di Napoli, le nostre ‘Torri gemelle’, e all’ultimo posto della top 10 si trova la Torre Europarco di Roma.

I luoghi del cinema

Molti dei film più famosi sono stati ambientati in location uniche al mondo. Il sito di Skyscanner.it ha raccolto i luoghi sacri del cinema in cui sono state girate più pellicole. Ai primi posti c’è il nostro Colosseo, che è stato protagonista di molti film storici, tra cui il più famoso Il gladiatore, per il quale il regista Ridley Scott ha ricreato a computer l’Anfiteatro Flavio come era in origine. Un altro luogo storico set di numerosi film è il Chateau d’If che si trova in Francia, un’isola fortezza in cui sono state ambientate le diverse versioni del Conte di Montecristo.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEI LUOGHI DEI FILM)

Tra i luoghi preferiti da registi e produttori cinematografici ci sono anche la città storica di Petra, in Giordania, set di un celebre episodio di Indiana Jones, la Città Proibita di Pechino che tutti ricorderete nell’Ultimo imperatore e Pearl Harbour, che per l’industria di Hollywood rappresenta un vero must e che oggi è un sito storico nazionale e sede di alcuni musei. Se non li avete ancora visitati vi consiglio di farlo.

Hotel vip: Roma caput mundi

Locanda_san_vigilio470.jpg

Molti personaggi celebri amano l’Italia e vengono a trascorrere le loro vacanze proprio nel Belpaese. Ma dove alloggiano? Che siano calciatori, re o attori poco importa. Eccovi la lista degli alberghi italiani dove dimorano i personaggi famosi. Il romantico Albergo Locanda San Vigilio sorge sulla sponda veneta del Lago di Garda, un hotel da re, dove si recano spesso Carlo d’Inghilterra e Juan Carlos di Spagna. Forte dei Marmi conserva sempre il suoi fascino, presso l’Hotel Byron hanno alloggiato personaggi del calibro di Daniel Craig e Naomi Campbell. Sicuramente nella Capitale è facile vedere molti vip.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEGLI HOTEL DEI VIP)

Al Visconti Palace Hotel di Roma si sono fermati Alena Seredova, Elisabetta Canalis e Piero Chiambretti. L’Hotel Royal Splendide garantisce una vista spettacolare su Villa Borghese, lo sanno bene Woody Allen, Reese Witherspoon e Jake Gyllenhaal, che hanno visto nascere qui la loro storia d’amore. Lo scelsero i mitici Beatles nel loro storico (ed unico) passaggio a Roma, stiamo parlando del Parco dei Principi Grand Hotel & Spa. Sfilata di stelle ad Amalfi, al lussuoso Hotel Santa Caterina è possibile incontrare Eva Mendes, Cristina Ricci, Angelina Jolie e Brad Pitt. Amate Taormina? Tom Cruise, per soggiornare qui ha scelto il Grand Hotel San Pietro. Se non volete essere paparazzati sarà opportuno non recarvi in alcuno di questi hotel.

Giappone: 10mila biglietti gratis

Biglietti aerei gratuiti a 10.000 turisti stranieri che vorranno trascorrere una vacanza in Giappone. E’ questa l’iniziativa promossa dell’ufficio del turismo nipponico per risollevare il turismo nel Paese del Sol Levante, crollato del 50 per cento dopo il terremoto e lo Tsunami di Fukushima dello scorso 11 marzo e il conseguente disastro nucleare. Per vincere i biglietti, disponibili dalla prossima primavera, sarà sufficiente compilare un diario online della vacanza in uno dei Paesi più belli del mondo, che vanta ben 15 siti classificati Patrimonio dell’Unesco.

(GUARDA LE FOTO DEI SITI PATRIMONIO UNESCO IN GIAPPONE)

Tra templi, santuari, castelli, pagode, paesaggi naturali e antiche città, il Giappone vanta una storia millenaria talmente affascinante che molti luoghi sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità a ragion veduta. Tra questi i templi di Nikko, i villaggi antichi di Shirakawa, le rovine di Gusuku, l’antica città di Nara, ma anche le isole Ogasawara, l’isola di Yakushima, le montagne Shirakami Sanchi e Kii e l’A-Bomb Dome di Hiroshima, l’unico edificio rimasto in città a memoria indelebile della tragedia nucleare del 1945.