10 luoghi da vedere nella vita

skeleton-coast-namibia-470.jpg

Ci sono dei luoghi che, prima di passare a “miglior vita“, vanno assolutamente visti. Lo dice la scrittrice Patricia Schultz nel suo libro “1000 luoghi da vedere nella vita“. Siti storici, piramidi, antiche rovine, città perdute, eventi, festival, grandi alberghi, l’attrazione che proviamo per questi posti sconosciuti è ancestrale nell’uomo e lo spinge a godere appieno il mondo in cui vive, viaggiando verso mete incantevoli. Anche voi la pensate così? Be’, allora non vi resta che puntare il dito sulla cartina geografica e partire.

(GUARDA LE FOTO DEI 10 LUOGHI DA VEDERE NELLA VITA)

Se proprio non riuscite a visitare tutti i mille i posti consigliati, ne abbiamo scelti dieci imperdibili. Non volete andare troppo lontano? L’Europa offre posti incantevoli e surreali come il castello del Conte Dracula in Romania e il villaggio di Babbo Natale in Finlandia. Meravigliosi pure il castello di Windsor e le Highlands scozzesi. Se poi volete spostarvi di continente anche l’Africa offre un vasto repertorio di luoghi mozzafiato: dalle grandi piramidi di Giza al Masai Mara del Kenya dalla Skeleton Coast della Namibia, per non parlare dei monti Drakensberg del Sudafrica. Non sono da meno la città di Petra in Giordania e il delta del Mekong in Vietnam. E voi cosa ne pensate?

Isole Keys: pronta l’autostrada

Highway_florida_keys470.jpg

L’autostrada delle Keys è una delle strade panoramiche più belle del mondo, un rettilineo lungo 200 Km che unisce Miami alle Isole Keys. Finalmente, dopo 25 anni, si sono conclusi i lavori della Road 1, il tratto che collega la East Coast americana da nord a sud. Duecentocinquanta milioni di euro, tanto è costato il raddoppio dell’Highway che finalmente è diventata a due corsie per senso di marcia.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DELL’AUTOSTRADA DELLE KEYS)

Sono inoltre state introdotte barriere e reti laterari per impedire l’attraversamento da parte di animali. Non è capitato di rado, infatti, di trovare per strada un alligatore o un raro esemplare di Florida Panther, sottospecie di puma che vive nelle Keys. Proprio in questa zona si trova il il Parco nazionale delle Everglades, un’area naturale protetta dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. L’arcipelago offere uno spettacolo affascinante ai viaggiatori. L’ultima isola sulla Overseas Highway, al Mile Zero, è anche la più famosa, Key West. Si tratta dell’isola scelta da Ernest Hemingway come buen retiro, dove ha scritto alcuni dei suoi libri più famosi. Un motivo in più per visitarle, vi assicuriamo che ne vale la pena.

Pubblicato in usa

Hotel gastronomici: i 7 migliori

chocohotel-perugia-470.jpg

I viaggiatori moderni sanno quello che vogliono, soprattutto da un punto di vista gastronomico. Il turismo gastronomico, infatti, è sempre più di moda e sempre più hotel cercano di soddisfare questa tendenza. Edreams.it ha stilato una classifica sugli hotel gastronomici europei. Se il cioccolato per voi è una vera dipendenza dovete visitare Etruscan Chocohotel a Perugia, al primo posto sul podio, da fare invidia alla casa della strega di Hansel e Gretel. Al secondo posto c’è il Food Hotel a Neuwied in Germania dove ogni elemento d’arredo richiama un particolare alimento.

(GUARDA LA FOTOGALLERY CON LA TOP 7 DEGLI HOTEL GASTRONOMICI)

L’Hotel Mas La Boella a Tarragona, circondato da 110 ettari di ulivi e vigneti, è rivolto agli amanti dell’olio d’oliva e si piazza terzo. Quarto l’Hotel Posta a Reggio Emilia, offre ai suoi ospiti la possibilità di visitare i caseifici della zona. In quinta posizione il Palais Coburg Hotel di Vienna che offre i servizi del famoso chef Silvio Nickol con la possibilità di organizzare cene private. Nell’Hotel Three Ways House nel Regno Unito, al sesto posto in classifica, è stato fondato un Pudding Club dove si confrontano e studiano le nuove tendenze del prelibato piatto british. Non poteva mancare la Francia con l’Hotel Château de Bagnols, vicino Lione. La proposta dell’hotel ultimo classificato è l’Epicurean Immersion, una giornata dedicata ai sapori più tradizionali della zona. E voi, cosa ne pensate?

Parchi: stranezze dal mondo

Dig_this470.jpg

Non sempre i parchi a tema sono dedicati solo ai bambini. Molti parchi divertimento sono talmente strambi, e talvolta anche pericolosi, da non essere adatti ad un pubblico di giovanissimi, e nemmeno ai deboli di cuore. Dalla convivenza forzata con i coccodrilli ai giochi interattivi di carattere sessuale ecco l’elenco di 8 parchi a tema davvero particolari sparsi in giro per il mondo. Las Vegas si sa è un luogo di stramberie. Se vi trovate da quelle parti fate un giro a Dig This, il parco che ha le sembianze di un cantiere edile. A Londra si trova Amora, una vera e propria accademia del sesso in cui sono esposte opere hi-tech interattive, create per educare ed intrattenere il pubblico sulla salute sessuale e le relazioni. 

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEI PARCHI PIU’ STRANI DEL MONDO)

Siete molto religiosi? Non potete perdervi Holy Land in Florida e Tierra Santa in Argentina. I due parchi in cui potrete incontrare Gesù, ma è solo un imitatore, si intende. Rivivere la Londra del 1700 è possibile a Dickens World. Se vi recate in Colombia potrete far visita all’ex tenuta del criminale Pablo Escobar. L’attrazione del posto è lo zoo, ricco di animali esotici. Per i veri avventurieri l’Australia con il suo Crocosaurus Cove è davvero il paese dei balocchi. Qui è possibile avere un incontro ravvicinato con un coccodrillo lungo oltre 5 metri. Il Giappone ovviamente non poteva esimersi dalla lista delle stramberie. A Tokyo è stato costruito il primo parco interamente dedicato ad Hello Kitty. Amanti del gatto più famoso del mondo riunitevi, 4 piani di spettacoli ed eventi vi attendono.

Hotel più brutti d’Europa

nizza-470.jpg

Gli alberghi più brutti d’Europa? Sono quelli di Londra. Secondo una classifica di Trivago, infatti, la capitale del Regno Unito ha ottenuto la valutazione peggiore, distanziando di poco Birmingham e Copenaghen, rispettivamente al nono e ottavo posto. Neanche Amsterdam, che occupa la settima posizione, ha conquistato la simpatia e l’apprezzamento dei turisti europei.

(GUARDA LE FOTO DELLE CITTA’ CON GLI HOTEL PIÙ BRUTTI D’EUROPA)

Non va molto meglio alla romantica Parigi e a Ginevra, sesta e quinta classificate, seguite da Francoforte e Bruxelles, in quarta e terza posizione. Hotel decisamente migliori e più accoglienti li troviamo a Nizza e a Stoccarda, rispettivamente al primo e secondo posto. Alla luce di questa top ten, sembrerebbe che i problemi connessi alle metropoli, che vanno dai grandi flussi turistici, ai numerosi hotel di categorie inferiori, ai prezzi alti, influiscano sulla qualitá percepita degli hotel. E voi cosa ne pensate?

I peluche vanno in vacanza

toy-travel-mosca-470.jpg

Tempi duri anche per i peluche che hanno diritto a un po’ di meritato riposo. E per questo è nata un’agenzia, la Toy Travel, che organizza vacanze per i pupazzi. Sì, avete capito bene. I vostri peluche potranno prendere il volo per visitare una città, andare al mare o in un parco di divertimenti. Il tutto documentato da foto. Il viaggio costa dai 90 ai 150 euro e al peluche si offre un tour di una settimana, per esempio in una capitale europea, dove, oltre a visitare la città, può anche accedere ai musei e gustare i cibi tipici della zona o trascorrere un’intera giornata in spiaggia con altri pupazzi viaggiatori.

(GUARDA LE FOTO DEI PELUCHE IN VACANZA)

E i clienti che mandano in viaggio i loro peluche possono “seguirli” tramite un profilo su Facebook che l’agenzia crea per ogni partecipante. La Toy Travel, fondata dal ceco Daniel Bacho che si è ispirato al “nano viaggiatore” del Favoloso mondo di Amélie, ha sempre più clienti. Mandare in vacanza il proprio peluche sta diventando una vera e propria moda. Be’, considerando che c’è chi ancora abbandona il proprio cane prima di andare in vacanza, con questa idea si sono fatti passi da gigante. Non siete d’accordo?

Le mete italiane più care

capri-470.jpg

Secondo l’analisi dell’andamento dei prezzi degli alberghi Capri è la meta turistica più costosa d’Italia. Un risultato che non ci sorprende, quello che invece meraviglia è che l’isola partenopea abbia subito un calo del 18% rispetto allo scorso anno. Nonostante la diminuzione, quindi, resta una meta lontana da raggiungere ancora per molti. Questo è quanto risulta da un’indagine svolta dall’Hotel Price Index che ha stilato la classifica delle mete più costose d’Italia. Dietro Capri, al secondo posto della classifica troviamo Taormina. Viareggio, dove i prezzi sono rimasti sostanzialmente invariati, si piazza terza. Nella top 5 delle città più costose si trovano poi, in ordine, Stresa e Bolzano. Invece per le due isole più grandi d’Italia, Sardegna e Sicilia, sono stati registrati cali in termini di percentuale dei prezzi, pur rimanendo delle mete costose. Al sesto posto della classifica troviamo Alghero, seguita da Olbia.

(GUARDA LA FOTOGALLERY CON LE METE PIÙ CARE D’ITALIA)

Agrigento, Giardini Naxos, Palermo e Cefalù occupano la classifica dall’ottavo all’undicesimo posto. In coda a questa non molto lusighiera lista c’è il Lago di Garda, tornato a essere meta di turisti italiani e stranieri. La zona ha registrato aumenti rilevanti nei prezzi degli hotel. Secondo lo studio Limone sul Garda è stata la località che ha segnato il più forte incremento dei prezzi in Italia, più 21 in termini di percentuale. Aumenti anche a Sirmione e a Riva del Garda. Un’analisi non proprio positiva, soprattutto per le isole, e per quelle mete che, come Taormina e il Lago di Garda, per combattere la crisi invece di diminuire i prezzi hanno pensato bene di aumentarli.

Arriva il primo 787 Dreamliner

Come vi avevo anticipato qualche mese fa, sta per arrivare l’aereo più ecologico del mondo, il Boeing 787 Dreamliner. Costruito per il 50% con fibre di carbonio, permette di inquinare il 30% in meno dell’acerrimo concorrente Airbus A380, che resta, comunque, l’aereo più grande del mondo. Il primo esemplare del B-787 è appena stato consegnato alla compagnia giapponese All Nippon Airways e, finalmente, possiamo vedere in anteprima le prime immagini di questo nuovo colosso dei cieli.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEL 787 DREAMLINER)

Il 787 Dreamliner è un aereo meno costoso, più ecologico e consente di aumentare del 40% il raggio d’azione. Rispetto a un aereo della stessa classe, infatti, la Boeing ha tagliato del 20% il consumo di cherosene, del 20% le emissioni dei gas serra, del 30% i costi di manutenzione della fusoliera e del 60% il livello di inquinamento acustico. Guarda il video del 787 Dreamliner.

boaeing 787 dreamliner,b-787,aereo,boeing,colosso dei cieli,ecologico

Vip: capricci negli hotel

Anna_Wintour470.jpg

Portieri d’albergo come confessori. Chi meglio di loro può conoscere i vizi e i capricci dei vip? L’importante, per i famosi, è che questi segreti non vengano svelati. Invece Nicolò De Rienzo ha pensato bene di raccoglierli e raccontarli tutti in un libro, dal titolo Nessun problema. E così scopriamo che la direttrice di Vogue America, Anna Wintour (nella foto) quando alloggiava al Four Seasons di Milano era solita mandare in giro la sua segretaria con una valigia carica di roba da lavare perché a suo dire le tintorie della città sono le migliori. C’è poi Naomi Campbell che ha accolto il portiere del Grand Hotel di Roma in baby doll, o Madonna che prima dice di voler evitare il bagno di folla a Portofino, salvo poi cambiare idea all’ultimo momento incurante del minuzioso percorso studiato ad hoc per lei.

(GUARDA LA FOTOGALLERY CON I VIP CAPRICCIOSI)

E così scopriamo, non proprio a sorpresa, che i vizi dei miliardari sono tanti. L’Avvocato Gianni Agnelli ad esempio si portava in albergo il concierge preferito, l’attrice Kim Novak è solita girare in camera nuda, Stallone invece è fissato con il porridge e Dustin Hoffman con il bagno turco. Scopriamo anche che Denzel Washington è stato cacciato da Portofino perché rumoroso. Meno grave, ma comunque strambo, il comportamento di George Clooney che è arrivato in albergo a tarda ora per cenare, costringendo lo chef a riaprire la cucina, o quello di David Gilmour dei Pink Floyd che era solito girare scalzo per la hall dell’albergo. Insomma un bel catalogo di stranezze. Fortunati allora i non famosi che non rischiano di veder svelati dai portieri d’albergo i loro vizi più segreti.

I 10 cibi più strani

Larve_Australia470.jpg

Ogni Paese ha le proprie tradizioni, soprattutto in ambito culinario. In alcuni casi però si tratta di vere e proprie stramberie. Il sito virtualtourist.com ha stilato una classifica dei dieci piatti più bizzarri del mondo. A sorpresa, troviamo anche uno dei piatti italiani più succulenti, ovvero l’asino. Al primo posto c’è la torta di sangue di maiale, specialità tipica taiwanese. Nella Corea del Sud, invece, uno dei piatti forti è il polpo crudo, che si piazza secondo. Sul gradino più basso del podio ci sono le cavallette sia cotte sia crude, consumate soprattutto in Uganda. Al quarto posto  si trova il piccione, una prelibatezza per i francesi.

(GUARDA LA FOTOGALLERY DEI PIATTI PIÙ STRANI)

Si piazza quinto il maleodorante durian, frutto del Sud Est Asiatico. Il sesto posto spetta al Lutefisk, una variante del classico stoccafisso norvegese. Gli aborigeni australiani, poi, sono dei gran divoratori di larve, piatto che si classifica settimo. All’ottavo posto troviamo lo Snake Wine vietnamita ovvero un vino ottenuto dal riso che si lascia fermentare in compagnia di serpenti, tartarughe, scorpioni, insetti e persino uccelli. L’asino, che nel nord Italia si cucina in salmì, si piazza nono, mentre chiude la classifica lo struzzo, piatto molto diffuso in Sudafrica e che sta spopolando anche nel Belpaese. Avete mai assaggiato queste prelibatezze?