Maldive, golf galleggiante

Un campo da golf galleggiante? Non è un’illusione ottica, ma un esclusivo progetto dello studio olandese Waterstudio.NL in programma alle Maldive. Secondo quanto rivelato dal sito di  Wired, il campo da golf di diciotto buche, collegate tra loro da gallerie sottomarine, potrebbe diventare il più lussuoso ed elitario del mondo. E anche il primo a nascere su piattaforme galleggianti, complete di vera erba impiantata sopra.

(GUARDA LE FOTO DEL CAMPO DA GOLF GALLEGGIANTE)

L’impianto artificiale sarà alimentato da pannelli fotovoltaici e l’acqua sarà filtrata dal mare, quindi, questo permetterà non solo di ridurre l’impatto ambientale, ma anche di unire al fascino del golf la bellezza delle Maldive. E grazie ai tunnel sottomarini fatti di vetro sarà possibile osservare gli splendidi fondali degli atolli e i meravigliosi pesci che popolano la zona. Il progetto, che prevede anche la costruzione di resort di lusso nelle vicinanze, dovrebbe costare 500 milioni di dollari.

Sciare sulle dune di sabbia

La nuova moda dei patiti dello sci? E’ quella di sciare sulle dune di sabbia nel deserto. E questa tendenza si va espandendo sempre di più in tutto il mondo. Il sandboard, come suo cugino snowboard, è già entrato nella vita di molti, anche se sembra che addirittura già gli antichi Egizi e altre culture scivolassero sulle dune di sabbia su sci fatti di legno.

(GUARDA LE FOTO DEL SANDBOARD)

Dalla California alla Germania sul Monte Kaolino, dalla Namibia al Nicaragua, per non parlare del Sudafrica, dove ormai il sandboard è quasi un must, la nuova tendenza impazza sempre più. E per gli Stati che, come l’Australia, sono privi di sabbia e dune del deserto? Non ci si perde d’animo. Gli australiani, infatti, hanno ripiegato sul watermelon ski, una divertente sciata sulle angurie. E voi cosa ne pensate di questo nuovo sport?

Le 10 meraviglie da salvare

Sulla Terra ci sono luoghi meravigliosi che i nostri figli potrebbero non vedere. Infatti, secondo quanto afferma un sito specializzato nell’ambiente Mother Nature Network, noi potremmo essere gli ultimi ad ammirare laghi, isole, ghiacciai e addirittura città che sono a rischio estinzione e devono essere salvati. La colpa? E’ del clima impazzito, che nel giro di 30 anni potrebbe far cambiare aspetto o far scomparire dieci incantevoli località del mondo, tra cui anche la nostra Venezia.

(GUARDA LE FOTO DELLE MERAVIGLIE DA SALVARE)

Tra le bellezze da vedere prima che scompaiano ci sono le Maldive, la Grande Barriera Corallina in Australia, il lago australiano Eyre e il Kintla negli Stati Uniti. A rischio estinzione pure i parchi nazionali Denali in AlaskaTorres del Paine in Cile. Sembrerà strano ma, tra i dieci posti da salvare, c’è anche il deserto del Sahara, il Bangladesh e le Alpi, i cui ghiacciai si stanno sciogliendo in maniera preoccupante.

Isola di Spargi, il paradiso privato

Ho letto una notizia che mi ha fatto riflettere. Davvero anche in Italia ci si può comprare un’isola? Sapevo che era possibile acquistarne una alle Maldive o ai Caraibi, ma davvero non avrei mai pensato che anche da noi si potesse fare. Eppure un privato si è appena comprato l’isola di Spargi, un isolotto dell’Arcipelago della Maddalena, a nord della Sardegna, per soli 127mila euro. Un vero paradiso tutto per sé. Acque cristalline, cale da sogno, sabbia bianca e fine, ma anche rocce dalle forme più bizzarre (c’è la strega, lo stivale, il rinoceronte ecc).

(GUARDA LE FOTO DELL’ISOLA DI SPARGI)

La condizione è che non ci costruisca su nulla. L’unico edificio presente a Spargi è il vecchio forte Zanotto, mezzo diroccato. Forse il nuovo proprietario è amante della natura, visto che sull’isola vivono numerose specie protette di uccelli ed è anche ricca di vegetazione, rocce granitiche e di acqua. O forse è solo alla ricerca di un paradiso terrestre tutto per sé. Non ne vorreste uno anche voi?

Nozze reali: suite da 34mila euro

Un lussuoso hotel di Londra sta proponendo un’offerta regale per trascorrere una notte come William e Kate alla modica cifra di 34mila euro. Il pacchetto si chiama ‘Royal Connections’ e prevede un trattamento extralusso in una suite presidenziale, con tanto di maggiordomo 24 ore su 24. Ma non un maggiordomo qualunque, un valletto che solitamente lavora a Buckingham Palace e che per qualche giorno si dedicherà agli ospiti dell’hotel.

(GUARDA LE FOTO DELL’HOTEL DA 34.000 EURO A NOTTE)

Il cocktail di benvenuto per una delle sei coppie che potranno usufruire del pacchetto è ispirato ai gioielli della corona. In camera, sarà a disposizione degli ospiti una confezione di dolcetti come quelli offerti dalla coppia reale al matrimonio del 29 aprile. Nel pacchetto è compreso anche un tour guidato dei tre monumenti protagonisti del Royal Wedding: la Torre di Londra, Hampton Court Palace e Kensington Palace. Prima di lasciare l’hotel, la coppia sarà omaggiata di una copia del libro “William and Kate – The Love Story” di Robert Jobson, lo stesso autore delle biografie di Lady Diana. L’offerta è valida fino al 30 settembre, quindi potete anche iniziare a risparmiare!

Buoni vacanza per Lampedusa

Non avete ancora deciso cosa fare quest’estate? Avete voglia di sole e mare paradisiaco, ma anche di una villeggiatura all’insegna del risparmio? Allora Lampedusa potrebbe fare al caso vostro. Grazie ai buoni vacanza proposti dal governo, le ferie sull’isola, nei mesi di luglio e agosto, potrebbero essere davvero una proposta allettante.

(GUARDA LE FOTO DELL’ISOLA DI LAMPEDUSA)

L’iniziativa è stata proposta dal ministro del turismo Michela Vittoria Brambilla per cercare di incentivare gli italiani ad andare a Lampedusa, la cui attività turistica è da tempo fortemente penalizzata dall’emergenza immigrazione. Forse non tutti potranno averne diritto perché, come per tutti i buoni vacanza, la percentuale di sconto varia in base a scaglioni di reddito. E voi cosa ne pensate? Trascorrereste le vostre ferie a Lampedusa utilizzando i buoni vacanza?

I siti più straordinari

The cool hunter ha selezionato dieci tra i luoghi più straordinari del mondo. Tra i vari capolavori della Terra, anche l’Italia ci mette del suo con il borgo di Riomaggiore, alle Cinque Terre, in Liguria, e Lucca con i suoi dintorni. Dai laghi di Plitvice in Croazia alla Valle delle dieci vette in Canada, dalle Cave di marmo in Cile i siti selezionati sono fantastici.

(GUARDA LE FOTO DEI LUOGHI PIÙ SPETTACOLARI DEL MONDO)

Per non parlare delle cascate Kawasan nelle Filippine, della spiaggia di Seine-Maritime nell’Alta Normandia, in Francia, e delle affascinanti Grotte Blu in Grecia. Altri paesaggi incantevoli da lasciare a bocca aperta sono il parco nazionale Skaftafell in Islanda e il suggestivo Preacher’s Rock in Norvegia. E voi cosa ne pensate? Avete qualche altro posto paradisiaco della Terra da suggerire?

I migliori ristoranti del mondo

Nella classifica annuale dei 50 ristoranti migliori del mondo che è appena stata decretata dal S.Pellegrino World’s 50 Best Restaurants, ho selezionato per voi i primi dieci, che rappresentano l’eccellenza del cibo. Il primo in assoluto è il Noma di Copenhagen. In seconda e terza posizione ci sono gli spagnoli El Celler de Can Roca e Mugaritz. Al quarto posto – nonché migliore tra i ristoranti italiani – l’Osteria Francescana di Modena, seguita dall’inglese The Fat Duck. Al sesto posto il ristorante statunitense l’Alinea e al settimo il D.O.M, che si trova a San Paolo del Brasile.

(GUARDA LE FOTO DEI MIGLIORI RISTORANTI DEL MONDO)

Lo spagnolo Arzak è in ottava posizione e Le Chateaubriand di Parigi in nona. Decimo classificato il ristorante newyorkese di Thomas Keller, Per Se. Nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo ci sono solo altri cinque ristoranti italiani premiati, tra cui il famoso Cracco di Milano, in 33^ posizione, e Dal Pescatore, vicino a Mantova, in 38^. Un po’ pochini, se pensate che la cucina italiana è ritenuta la migliore del mondo. Siete d’accordo con questa classifica?

Usa, i parchi più visitati

great-smoky-mountains.jpg

Gli Stati Uniti, oltre a essere ricchi di monumenti, vantano anche un gran numero di parchi nazionali. Sono una sessantina su tutto il territorio e, secondi una classifica del National Geographic, tra i più visitati, troviamo al primo posto il Great Smoky Mountains, con una media di 9,3 milioni di visitatori l’anno. Solo al secondo posto il Grand Canyon, in Arizona, che ha quasi un secolo di vita e il cui Skywalk panoramico viene calpestato solamente da 5 milioni di turisti ogni anno, mentre terzo è il selvaggio Yosemite, nel nord della California, dove è possibile vedere le sequoie più alte del mondo.

(GUARDA LE FOTO DEI PARCHI PIÙ VISITATI DEGLI STATI UNITI)

In quarta posizione c’è il famoso parco di Yellowstone, il più antico nel mondo, meglio conosciuto come il parco dell’orso Yogi; in quinta il parco nazionale delle Montagne Rocciose, mentre in sesta l’Olympic National Park, nello Stato di Washington. In settima posizione si trova il Grand Teton e in ottava il mitico Zion, che molti di voi avanno già visitato. Gli ultimi due sono il parco di Acadia, nel Maine, e il Cuyahoga Valley National Park, nell’Ohio, divenuto parco nazionale solo nel 2000. Io ne visti solo tre, e voi li avete già visitati tutti?

Il pub più vecchio del mondo

Il più vecchio pub del mondo? E’ irlandese. Il Sean’s bar ha “rubato” il posto al Ye Olde Trip to Jerusalem, che si trova in Inghilterra, perché oltre al fatto che è nella lista dei Guinness World Records come bar più antico d’Irlanda, risalirebbe addirittura al 900 a.C. Il Sean’s bar si trova ad Athlone, una città a 110 chilometri da Dublino.

(GUARDA LE FOTO DEL PUB PIU’ VECCHIO DEL MONDO)

L’arredamento è molto tipico, ma anche informale: il pavimento è cosparso di segatura e un cumulo di cianfrusaglie per poco non nasconde il caratteristico camino stile Old England. Il punto forte del pub? In qualsiasi sera della settimana è sempre pieno di gente e si è sempre in buona compagnia: questa è la sua vera magia. E voi conoscete qualche altro pub che potrebbe spodestare dal trono il Sean’s e accaparrarsi il titolo di pub più vecchio del mondo?