I panorami più belli del mondo

Su Forbes è stata stilata un’interessante, anche se discutibile, classifica dei dieci panorami più belli del mondo. Si passa dal tramonto a Bagan, in Birmania, sul podio in prima posizione, al Golden Gate Bridge di San Francisco e la Muraglia Cinese, al secondo e terzo posto. Seguono Phang Nga Bay, in Thailandia, e le affascinanti vedute del Grand Canyon in Arizona.

(GUARDA I PANORAMI PIU’ BELLI DEL MONDO)

Al settimo posto c’è Big Sur, regione della costa centrale della California, e all’ottavo le casate Iguazu, generate dall’omonimo fiume situato sul confine tra il Brasile e l’Argentina. Infine, la rinascita del World Trade Center a New York e il lago Hoan Kiem in Vietnam.
Qual è il paesaggio tra questi citati che preferite? Avete altri paesaggi suggestivi da suggerire?

Chalet di montagna hi-tech

Se pensate che gli chalet siano tutti uguali, con il tetto spiovente, le finestre a battente e i fiorellini sul balcone, ora dovrete ricredervi. Nel terzo millennio, infatti, non ci sono più gli chalet di una volta. Oggi sono sempre più eco-compatibili e tecnologici. Come lo chalet Tournesol (girasole), sulle Alpi francesi, tra Gap e Grenoble. Una sorta di igloo di legno, come i tipici chalet di montagna, ma rotondo e che gira su se stesso seguendo i raggi del sole.

(GUARDA LE FOTO DELLO CHALET)

Anche l’interno è fatto interamente di legno e ha le pareti curve, come fosse una navicella spaziale. Lo chalet può ospitare fino a 12 persone ed è aperto tutto l’anno. Inutile dire che lo spettacolo circostante è meraviglioso in qualunque periodo dell’anno, con la neve o con il sole, la vera esperienza di viaggio consiste proprio nel soggiornare in questo futuristico chalet.

Le 10 isole imperdibili

Ad avere la possibilità sarebbe bello andare su tutte le isole del mondo, ma non potendo farlo, ce ne sono alcune che si devono assolutamente visitare almeno una volta nella vita. Ecco, secondo una classifica stilata da Budget Travel, quali sono le isole più paradisiache della Terra, da vedere per le loro bellezze naturalistiche, fatte di paesaggi incontaminati, selvaggi e naturali e da spiagge di soffice sabbia bianca con acque azzurrissime. Prima in classifica è Bali, in Indonesia, seguita da Vieques, che si trova tra il Mar dei Caraibi e l’Oceano Atlantico, e dall’Isola di Pasqua nell’Oceano Pacifico. Al quarto posto, spicca la nostra meravigliosa Ischia (guarda il video qui sotto).

(LE FOTO DELLE 10 ISOLE DA VEDERE UNA VOLTA NELLA VITA)

Da non perdere Chiloè, nel sud del Cile, e Bora Bora nella Polinesia francese, una tra le isole vulcaniche più famose del mondo. A seguire, Key West in Florida e Penang nella Malesia occidentale. Imperdibili anche le Galàpagos, arcipelago di 14 isole vulcaniche nell’Oceano Pacifico a 1000 chilometri dalle coste dell’America del sud e appartementi politicamente alla Repubblica dell’Ecuador. E last but not least le Palm Islands di Dubai, le tre isole artificiali degli Emirati Arabi.

Le 10 città dove si vive meglio

Nel caso vi venisse voglia di trasferirvi all’estero (o se solo volete capire come si vive davvero bene in città), l’Economist Intelligence Unit ha stilato la classifica delle dieci città in cui si vive meglio. Dominano l’Australia e il Canada. Infatti, al primo posto c’è Vancouver. Segue immediatamente dopo Melbourne, in Australia. Sul podio c’è anche la più vicina Vienna. Al quarto e quinto posto ci sono altre due città canadesi, Toronto e Calgary.

(GUARDA LE FOTO DELLE 10 CITTÀ IN CUI SI VIVE MEGLIO)

La sesta città del mondo in cui la qualità di vita è migliore è Helsinki, in Finlandia. La settima, ottava e nona in classifica sono tre metropoli australiane, Sydney, Perth e Adelaide. La top 10 si conclude con Auckland, in Nuova Zelanda. Nella lista dell’Economist ci sono 140 città di tutto il mondo. Purtroppo, nessuna è italiana! Il Belpaese è stato superato persino da Dhaka, nel Bangladesh, Lagos, in Nigeria, e Colombo, nello Sri Lanka. Siete d’accordo?

Venti cime in 20 regioni

monte-bianco-470.jpg

Tra le tantissime iniziative organizzate quest’anno per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia ce n’è una che mi piace particolarmente. Si chiama ’20 cime per 20 regioni’ ed è organizzata dal CAI e dalle Guide alpine di Cortina d’Ampezzo. In pratica, per tutto l’anno le guide saliranno sulle cime più alte del nostro Paese, una per ogni regione, per scoprire e valorizzare le bellezze della penisola. Dall’Etna, in Sicilia, all’Ortles, nel Trentino Alto Adge, dal Monte Bianco, nella Valle d’Aosta, alla Marmolada, nel Veneto.

(GUARDA LE FOTO DI 10 TRA LE CIME PIÙ ALTE D’ITALIA)

Si parte il 26 febbraio con la risalita del monte Etna su sci d’alpinismo. Ogni vetta, infatti, sarà affrontata in modo diverso a seconda della stagione e del terreno: sci, mountain bike o trekking. Oltre alle montagne più famose, è l’occasione per scoprire i monti d’Italia meno conosciuti, come il Pizzo Zupò, in Lombardia, la Cima del Redentore, in Umbria, la Serra Dolcedorme, tra Calabria e Basilicata, il monte Cornacchia, in Puglia, e il monte Meta, nel Molise. Non la trovate un’idea geniale?

Villaggio di corallo per Haiti

Un eco villaggio ispirato ai coralli. Questa è una delle proposte per aiutare i terremotati di Haiti che arriva dall’architetto belga Vincent Callebaut, lo stesso che ha progettato le isole galleggianti per ostacolare l’innalzamento del livello del mare alle Maldive.

(GUARDA LE FOTO DEL VILLAGGIO)

Il Coral Village, che dovrebbe essere destinato a 1000 famiglie di Haiti, sarà costruito al largo dell’isola. Sarà formato da prefabbricati sorretti da pilastri antisismici resistenti alle onde. Ogni appartamento del villaggio sarà dotato di impianto a energia rinnovabile. Ogni famiglia avrà un pezzo di terra da coltivare. Cosa ne pensate di questo progetto?

I parchi più belli d’America

I parchi, si sa, sono più belli d’estate, quando sono fioriti e colorati. Ma anche d’inverno hanno un loro fascino, proprio perché sono solitari e ameni. Negli Stati Uniti e in Canada ci sono parchi spettacolari e caratteristici soprattutto in inverno. Il celebre huffingtonpost ha stilato la classifica dei più belli. Lo Zion e il Bryce Canyon, nello Stato dello Utah, in alta montagna, sono entrambi aperti d’inverno e le rocce imbiancate dalla neve sono un vero spettacolo. Tra i parchi più belli c’è il Banff National Park, che è il primo parco nazionale del Canada. Si estende su 6.641 chilometri quadrati e ha molti ghiacciai, foreste di conifere e paesaggi alpini. Anche l’Olympic National Park, nello Stato di Washington, è tra i più bei parchi statunitensi, ma anche uno dei meno conosciuti.

(GUARDA I PARCHI PIÙ BELLI D’INVERNO)

Nella classifica c’è anche il Jasper, in Canada, con un paesaggio montano unico, fatto di vette, laghi, cascate e canyon. Il Mt Rainier svetta tra ghiacciai e laghi e, nello Stato del Colorado, c’è il Rocky Mountain National Park, proprio nel cuore delle Montagne Rocciose. Il più antico degli Stati Uniti è Yellowstone, caratterizzato da miglia e miglia di natura incontaminata, animali liberi ma protetti e acque cristalline, cascate e laghi alpini. Infine, c’è lo Yosemite, in California, che è aperto tutto l’anno benché d’inverno alcune zone siano irraggiungibili. Ve ne vengono in mente altri da suggerire all’huffingtonpost?

Nel resort di James Bond

Se siete fan di James Bond, non potete non regalarvi una vacanza speciale nel nuovo resort Goldeneye, in Giamaica. Sulla splendida baia di Oracabadessa, a circa 120 km da Montego Bay, l’autore dei romanzi dedicati all’agente segreto 007, Ian Fleming, era solito ritirarsi per mesi sfornando, uno dopo l’altro, i 14 romanzi divenuti, in seguito, celebri film. Ora si può alloggiare all’interno della sua villa rimasta praticamente immutata oppure in uno dei sei bungalow appena nati affacciati direttamente sulla spiaggia con una laguna da togliere letteralmente il fiato.

(GUARDA LE FOTO DEL GOLDENEYE RESORT)

Frequentatissimo da magnati russi e amanti della saga, tra gli ospiti si contano anche alcune celebrità, come Johnny Depp, Kate Moss, Scarlett Johansson, BonoNaomi Campbell che hanno scelto di trascorrere una tranquilla vacanza in questo resort segreto, circondato da una folta foresta tropicale che nasconde spiagge e baie favolose affacciate sul Mar dei Caraibi, con grotte e covi dei pirati. Allora, siete già pronti per partire e per diventare i nuovi 007?

Boeing 747-8, il gigante dell’aria

boeing-747-8-intercontinental-470.jpg

Erano in 10mila, ieri, a Everett, vicino a Seattle, negli Stati Uniti, tutti con il naso all’insù, per vedere decollare il nuovo gigante dell’aria, il Boeing 747-8 Intercontinental. Il nuovo re dei cieli, concorrente acerrimo dell’A380 di Airbus, è l’aereo passeggeri più lungo del mondo. E’ anche più tecnologico, più economico e più ecologico, se si considera il fratellino 787 Dreamliner, che finora deteneva il primato. Ogni passeggero, infatti, permetterà di consumare il 16% in meno di anidride carbonica e l’aereo sarà il 30% meno rumoroso. All’interno sarà più spazioso e confortevole per i passeggeri e ci sarà anche più spazio per il bagaglio a mano. Inoltre, sarà rosso, al contrario di tutti i Boeing che solitamente sono blu. E per questo motivo, i fan si sono già scatentati sulla rete!

(GUARDA LE FOTO DEL BOEING 747-8 INTERCONTINENTAL)

Ideale per le lunghe tratte, sono già parecchie le compagnie aeree che ne hanno ordinato alcuni esemplari, tra cui la tedesca Lufthansa e la coreana Korean Air. Le prime consegne avverranno alla fine del 2011 e sono in molti a non vedere l’ora di viaggiare su questo splendido aereo. Tra questi ci sono anch’io!

Trompe l’oeil nel mondo

trompe-loeil-470.jpg

Durante i vostri viaggi in giro per il mondo, vi è mai capitato di imbattervi in un edificio meraviglioso che, in realtà, è semplicemente un dipinto? Le città del mondo sono piene di trompe l’oeil, facciate dipinte in modo da ricreare ambienti che sembrano veri. Alcuni di questi sono famosissimi. Se andate a Parigi, per esempio, non potete perdervi la casa d’epoca ‘ubriaca’: i balconi volteggiano e le finestre si allungano. Anche a Lione l’intera facciata di un palazzo detto La casa dei lionesi è stato riempito con le sagome di tutti i personaggi che hanno reso celebre la città.

(GUARDA LE FOTO DEI MIGLIORI TROMPE L’OEIL DEL MONDO)

Patiti dei trompe l’oeil sono gli americani. L’università della California, non potenedo essere un edificio classico, si è fatta dipingere un colonnato sulle pareti. A Boston, un normalissimo (e anche tristissimo) edificio di mattoni degli Anni ’20 ha aggiunto qualche persona alla finestra per dare un po’ di colore. Non li trovate divertenti?