UE: ok liquidi dal 2013

hostess-sicurezza.jpg

Ecco finalmente una buona notizia anche se dovremmo aspettare qualche anno. L’Unione europea ha deciso che dal 2013 sugli aerei si potranno trasportare liberamente i liquidi nei bagagli a mano. Secondo la Commissione europea, infatti, le nuove tecnologie per lo screening dei liquidi (i famosi body scanner) che saranno pronte negli scali europei dall’aprile dello stesso anno permetteranno di controllare la pericolosità di tutto ciò che i paseggeri tasporteranno a bordo degli aeromobili. Non vedo l’ora!

Oggi ogni compagnia aerea ha le proprie regole: 50 ml, 100 ml… non si capisce più se si può trasportare una medicina, un souvenir oppure no! Guardate, per esempio, questo divertentissimo video e fatevi due risate.

Turchia: 1° hotel per nudisti

hotel-nudisti-turchia.jpg

E’ proprio il caso di dire: “Non c’è più religione”, visto che anche nella integralista Turchia sta per aprire il primo hotel per nudisti. Solo stranieri, però. Sarà inaugurato il 1° maggio vicino a Datca, una bellissima località turistica affacciata sul Mare Egeo. L’hotel per il momento ha poche stanze, ma ha una grandissima spiaggia privata, lontana da occhi indiscreti. Del resto, anche gli amanti del naturismo hanno tutti i diritti di andare in vacanza.

In Europa esistono molte spiagge (GUARDA LE FOTO) riservate a questo tipo di turismo, specialmente sulla costa meridionale della Francia, tra Costa Azzurra e Provenza (la più famosa è quella di Cap d’Agde), ma anche in Grecia, Spagna, Croazia, Danimarca e persino Gran Bretagna. Persino in Italia ce ne sono tante: Chiavari, Marina di Bibbona, Isola d’Elba ecc. I veri cultori del nudismo sposano questa filosofia al cento per cento. Pensate che hanno creato persino una compagnia aerea per nudisti oltre alle crociere, agli hotel e alle spiagge.

Gratis alle Maldive (se aiuti)

Se volete andare alle Maldive ma non potete spendere un euro, ecco una proposta intelligente. Una catena di resort di lusso promette una vacanza gratis di cinque giorni in cambio di un po’ di volontariato (5 ore al giorno). Data la bellezza della isole (GUARDA LE FOTO) ne vale assolutamente la pena! Nella maggior parte dei casi non serve saper fare nulla, quindi tutti possono offrirsi, purché abbiano voglia di dare una mano. Per esempio, si può contribuire a piantare alberi per ridurre l’anidride carbonica nell’atmosfera. Si possono impartire lezioni in qualunque materia all’interno delle scuole locali.

Chi ha maggiori competenze può insegnare ai maldiviani degli atolli a conservare l’ecosistema marino tramite lezioni ai sub oppure a gestire le risorse locali per ridurre gli sprechi o addirittura fornire supporto per aiutare le comunità a incrementare il proprio reddito. Le attività devono essere legate allo sviluppo dei villaggi, dalla costruzione delle case alla raccolta dei rifiuti. Vi sono già venute in mente un sacco di idee? Cosa aspettate a fare la valigia allora! Si può partire dall’1 giugno al 12 ottobre. Ecco uno degli atolli dove potrete andare.

I 50 migliori ristoranti del mondo

noma470.jpg

Chissà se riuscirò mai a provare uno dei 50 migliori ristoranti del mondo? E’ appena uscita la classifica annuale e, per provare il ristorante numero uno al mondo, Noma, bisogna andare fino a Copenhagen, in Danimarca. Più vicino è il numero due, El Bulli – quello di Ferran Adrià, chef famoso per la sua cucina molecolare – che si trova a Roses, vicino a Barcellona. Il terzo è un ristorante britannico, The Fat Duck, nella campagna inglese a un’oretta di strada da Londra (GUARDA LA GALLERY). Il primo ristorante italiano si trova solo al 6° posto ed è l’Osteria Francescana a Modena, che vanta un altro importante chef, Massimo Bottura.

Nella top 10 è l’unico italiano. Ma non sono molti i nostri ristoranti neppure nel resto della classifica. Se ne contano solo altri quattro. Primeggiano i ristoranti in Spagna, negli Stati Uniti, in Francia, ma anche nei Paesi del nord Europa e in Asia, Australia e Sudafrica.

Ascensori panoramici: top 10

Se amate viaggiare per il mondo come me, non potete perdervi i panorami delle città visti dall’alto. Alcuni edifici, torri o grattacieli che siano, permettono, con ascensori velocissimi, di arrivare a centinaia di metri da terra in pochi secondi. L’ascensore più veloce e il più spettacolare del mondo è quello della CN Tower di Toronto, in Canada, la torre più alta del mondo (GUARDA LE FOTO). In soli 58 secondi vi porta sullo Sky Pod a 447 metri. Sull’ascensore c’è un pavimento di cristallo da cui guardare sotto: da paura! Se siete stati a New York, forse pensate che l’ascensore dell’Empire State Building sia veloce. Invece vi sbagliate. E’ solo al 4° posto, ma la vista da lassù è impareggiabile.

Sempre in Canada, infatti, c’è il 2° ascensore più veloce, quello del Maritime Museum of British Columbia, a Victoria, il più vecchio ascensore del Nord America (1899). Al 3° posto ci sono i cinque ascensori dell’hotel Westin St. Francis a San Francisco, Stati Uniti: in 30 secondi vi portano a più di 300 m. Al 5° posto c’è il famoso Taipei 101, a Taiwan, il secondo grattacielo più alto del mondo (il primo è il Burj Dubai o Burj Khalifa). La classifica segue con il Baiyoke Sky Hotel (6°), a Bangkok, la Tour Eiffel (7°), l’ascensore di Hammetschwand, a Bürgenstock, in Svizzera (8°), il Burj Dubai (9°) e il Suur Munamägi, a Võrumaa, in Estonia (10°).

A Ferrara per il Festival degli Aquiloni

FESTIVAL-AQUILONI-FERRARA.jpg

Ferrara è famosa per tante cose: l’Addizione Erculea, il Castello Estense, la Basilica di San Giorgio fuori le mura, il Palazzo della Regione, le mura storiche, l’Università… Ma a tutte queste meraviglie si aggiunge un evento imperdibile per questo weekend: il 31° Festival Internazionale degli Aquiloni che si terrà dal 23 al 25 aprile al Parco Bassani.

Semplicità, mobilità sostenibile, attività all’aria aperta sono tutti elementi che contraddistinguono e caratterizzano la tre giorni ferrarese. La manifestazione si svolgerà come di consueto, nel parco urbano di Ferrara, un’area verde attrezzata di circa 250.000 metri quadrati caratterizzata, come le precedenti edizioni, da una particolare mostra legata al tema “dell’aquilonismo”. Saranno inoltre allestiti vari “Giardini del Vento“: oggetti di forme e colori diversi che si muovono e producono suoni esclusivamente sfruttando la forza del vento. GUARDA LE FOTO

Consulta il sito del 31° Festival Internazionale degli Aquiloni per vedere gli eventi in programma.

22 aprile: il giorno della Terra

earth.jpg

Giovedì 22 aprile si celebra l’Earth Day, la festa della Terra, una giornata dedicata al nostro pianeta. La manifestazione nacque il 22 aprile del 1970 quando venti milioni di cittadini americani risposero all’invito del senatore democratico Nelson e scesero in piazza per difendere il pianeta e le sue risorse. Quest’anno ci si mobiliterà nelle principali piazze del mondo (190 i Paesi coinvolti) per chiedere un intervento immediato dei leader politici internazionali, in favore di nuove leggi per la difesa del clima.

Ogni persona può prendere parte all’iniziativa proponendo una propria azione in grado di contribuire al risparmio energetico e alla salvaguardia della natura. Si può, per esempio, scegliere di usare la bicicletta al posto dell’auto, fare vacanze “green”, di non tenere aperti i rubinetti a oltranza, di effettuare una corretta raccolta differenziata e via dicendo. Il contatore sul sito ufficiale è prossimo ai 31.500.000 “verdi”; voi cosa aspettate a inserire il vostro?

Amsterdam, 1° festival dei tulipani

amsterdam-tulip-festival-470.jpg

Se vi capita di essere ad Amsterdam i prossimi 24 e 25 aprile, non perdetevi il 1° festival dei tulipani (Amsterdam Tulip festival). Se siete amanti – come me – di questi splendidi e coloratissimi fiori, potete anche andarci apposta! Tutti i giardini delle case sui canali saranno pieni di tulipani in fiore (GUARDA LE FOTO). Il tulipano è un po’ il simbolo dell’Olanda. Purtroppo, però, negli ultimi anni di tulipani ad Amsterdam se ne sono visti pochi, a parte al mercato dei fiori che si tiene ogni giorno (tranne la domenica) lungo il Singel e nei negozi del duty free all’aeroporto di Schiphol.

I giardini delle case storiche della città sono uno dei segreti meglio custoditi e il festival è anche l’occasione per riuscire a visitarli. Si potrà entrare dalle 10 alle 17 con un pass che vale due giorni e che costa 10 euro. Oltre ai giardini, partecipano anche il Museum Van Loon, Museum Willet-Holthuysen, Bijbels Museum e Huis Marseille, con mostre dedicate alla storia dei tulipani. Sì, perché forse non sapete che il tulipano non è nato in Olanda, ma in Turchia. Arrivò nei Paesi Bassi solo nel 1500. A quel tempo, i tulipani erano così rari che, durante il culmine della ‘tulipano-mania’, un bulbo era considerato una vera fortuna.

Folletti a Dublino

museo-folletti470.jpg

Se vi capita di andare a Dublino nei prossimi mesi, non perdetevi un nuovo indirizzo: quello del nuovo National Leprechaun Museum, il museo dei folletti, le più famose icone della cultura irlandese. Aperto di recente in pieno centro città, sta già spopolando tra grandi e piccini (GUARDA LE FOTO). Gli irlandesi adorano i miti e le leggende e, tra le loro tradizioni, c’è anche quella dei follettileipreachán, in gaelico significa “piccolo spirito” – che popolano i boschi d’Irlanda. Una passeggiata virtuale sotto le rocce della famosa Giant’s Causeway fino ad arrivare a montagne incantate.

Un luogo di intrattenimento, sì, ma anche un centro di documentazione dove i visitatori possono cogliere gli aspetti meno conosciuti del folclore irlandese e celtico, scoprire quali affinità ci siano tra i folletti, gli arcobaleni e le pentole d’oro. Vi ho incuriositi? Allora andate a visitarlo!

Castelli aperti in tutta Italia

castello-miramare-trieste470.jpg

Spesso per vedere i castelli andiamo fin sulla Loira, in Francia, ma l’Italia è ricca di castelli, fortezze e manieri che non immaginate neppure. Questo weekend e fino al 25 aprile si tiene in tutto il Belpaese l’iniziativa ‘Castelli aperti’. Una splendida occasione per visitare alcune delle bellezze del nostro patrimonio culturale. Sapete quali sono i castelli più visitati dagli italiani? Secondo un recente sondaggio, è stata stilata la top 10 dei castelli più belli (GUARDA LE FOTO): al primo posto c’è il Castello Miramare, a Trieste; al secondo posto, Castel del Monte, ad Andria, Patrimonio dell’umanità, e al terzo il Castello dei Conti Guidi, a Poppi (AR).

Seguono castelli più famosi, come il Castello Sforzesco di Milano, Castel Sant’Angelo a Roma, Castel Monteriggioni, vicino a Siena, la Rocca Borromeo ad Angera (VA), Castello Aragonese a Taranto, il Castello Scaligero a Sirmione (BS) e il Castello di Gradara, tra Pesaro e Urbino, che ha fatto da sfondo alla tragica storia d’amore di Paolo e Francesca (“Amor, ch’a nullo amato amar perdona”, vi ricordate?). Molti di questi castelli li ho già visitati e vi assicuro che sono stupendi. Magari ne approfitto per vederne altri. E voi? Buon weekend!