San Francisco in miniatura

tram-san-francisco-470.jpg

Se vi capita di andare a San Francisco, non perdetevi una esposizione carinissima. Fino al 18 aprile, al Conservatory of Flowers, nel Golden Gate Park, potete ammirare una bellissima San Francisco in miniatura (GUARDA LE FOTO). Un trenino gira tutto intorno alla città completamente ricostruita in cui si vedono i principali edifici e monumenti che hanno reso celebre ‘Frisco’, come la chiamano negli States.

Dal Golden Gate la Transamerica Pyramid, dal cable car – il tipico tram che si inerpica sulle strade – alle casette color pastello che costeggiano le vie al quartiere di Chinatown. Un vero spettacolo! Tanto più se pensate che tutto è stato fatto con materiale riciclato. Guardate il video che ho trovato.

Sull’Isola di Barù, Colombia

isola-di-baru-470.jpg

L’amica Evelina mi ha scritto per chiedermi se conosco l’Isola di Barù, vicino a Cartagena, e l’Hotel Decameron da poco aperto. Io purtroppo non ci sono mai stata (però conosco un’altra isola colombiana, Providencia), ma ho fatto delle ricerce ed ecco cos’ho trovato per lei. La splendida Isla de Barù (GUARDA LE FOTO) si trova il Colombia, Sud America, a un’ora di lancia dalla città di Cartagena, dove si trova l’aeroporto internazionale. Fa parte di un arcipelago di 27 tra isole e isolotti che costituiscono l’Arcipelago del Rosario, il cui nome ufficiale è Parque Nacionales Corales del Rosario. Le isole del Rosario sono completamente ricoperte dalla vegetazione rigogliosa dei Caraibi e circondate da acque trasparenti, con sfumature di colore che vanno dal porpora, dovuto al riflesso della barriera corallina, al turchese.

Ogni giorno va in scena un’esibizione di delfini, impegnati in piroette ed evoluzioni spettacolari. L’hotel Royal Decameron Barù è affacciato sulla spiaggia costeggiata da splendide mangrovie. E’ costruito in stile moderno e il sito web riporta questi servizi: 4 ristoranti, 5 bar, 3 piscine, un centro congressi, palestra, campi da tennis, discoteca e nursery. Si fanno corsi di sub e snorkeling. Mi è venuta una voglia matta di andarci. Magari partiamo insieme Evelina? Guarda che bel posto!

Turisti: ecco la mappa-origami

mappa-origami.jpg

In rete ho trovato una notizia geniale che desidero condividere con voi amanti dei viaggi come me. Hanno inventato una cartina stradale di Londra che si apre come un origami giapponese (GUARDA LE FOTO). Non si tratta di una mappa digitale come usa ora, non si scarica sul cellulare e neppure sul navigatore satellitare. E’ una mappa fatta di carta proprio come una volta (GUARDA IL VIDEO).

L’idea fantastica è questa: in qualunque modo apriate la mappa, si ha una visione completa dei quartieri della città. La mappa misura solo 10×10 cm e si ‘zooma’ man mano che viene dispiegata. Guarda il video qui sotto. Non è stupenda? Si compra online per 9 sterline (8 euro).

In bob sulla pista olimpica

bob.jpg

Chi di voi, guardando le olimpiadi in televisione, non si è mai soffermato a guardare sport che altrimenti mai l’avrebbero interessato? E magari ha mai pensato quanto sarebbe stato bello provarli? A me succede molte volte, soprattutto con alcune discipline invernali come curling, salto con gli sci e bob. Proprio quest’ultimo mi ha sempre affascinato, il solo pensare di buttarmi a oltre 100 kmh in una pista ghiacciata all’interno di un veicolo con dei pattini mi fa salire l’adrenalina. Ora potrò farlo, in Austria.

A Innsbruck, sede delle Olimpiadi Invernali del 1976, hanno recentemente creato Olympiaworld, un complesso sportivo realizzato ristrutturando le installazioni olimpiche. Oltre a una moltitudine di sport invernali “tradizionali”, è ora possibile provare il bob sulla pista olimpica. A un costo di 30€ si può salire su un bob per 5 persone, appositamente realizzato per i visitatori e guidato da un pilota professionista fino a 80-100 kmh. Se invece si vogliono provare emozioni forti, bisogna salire su un vero bob a 4 olimpico, con un amico e 2 piloti. Previa prenotazione e pagando 95€ si raggiungeranno i 115 kmh.

La città del vento

turbine.jpg

La Commissione Europea ha tra i suoi principali obiettivi quello di fare in modo che entro il 2020 il 20% del suo fabbisogno di energia si interamente coperto dallo sfruttamento di energie rinnovabili. Una delle nazioni all’avanguardia in questo campo è la Norvegia, in particolare per quanto riguarda l’energia eolica grazie alle sue coste lunghe e ventose già popolate da numerose installazioni di turbine a vento.

Grazie all’esperienza maturata nella costruzione di piattaforme petrolifere offshore, uno studio norvegese (On Office) ha elaborato il progetto di una centrale eolica offshore fuori dal comune, da costruire al largo di Stavanger. Si tratta di una serie di turbine collegate tra loro come un arcipelago che, oltre a produrre energia per la terraferma, alimentano anche un futuristico resort in alto mare, con tanto di hotel, spa e museo, in modo da fungere come punto di approdo per i natanti di passaggio. E’ questo il futuro del turismo navale? Staremo a vedere…

Singapore: nursery per uccellini

pappagallo-Cacatoa-nursery-470.jpg

Ecco una bella notizia, per concludere la settimana con un sorriso. A Singapore hanno aperto la prima nursery per uccellini (GUARDA LE FOTO). I piccoli volatili – che spesso non volano ancora – hanno trovato così una casa e qualcuno che si prenda cura di loro. La nursery si trova all’interno del Jurong Bird Park, uno dei più grandi e più famosi del mondo, con circa 8000 uccelli di 600 diverse specie (GUARDA IL VIDEO).

Se non ci siete mai stati e vi capita di fare scalo a Singapore durante uno dei vostri bellissimi viaggi verso il Sud Est Asiatico, vi consiglio di fare una tappa all’interno di questo meraviglioso parco. Tra gli uccellini che hanno trovato dimora a Jurong, ci sono anche specie rare, come i Barbagianni, i pappagalli Cacatoa (nella foto) e i fenicotteri rosa.

Sculture nella neve

scultura-ghiaccio-pattinatori-470.jpg

Fino alla fine di gennaio, nel comprensorio sciistico Klausberg di Cadipietra in Valle Aurina (Bolzano), si possono ammirare delle bellissime sculture di neve (GUARDA LE FOTO), in occasione del primo festival internazionale di scultura “in bianco”. Si tratta di un campionato che vede dieci squadre darsi battaglia nell’arena invernale, per contendersi il titolo di Re o Regina delle nevi 2010. Con pale, piccozze e scale i “Michelangelo della neve” estraggono dai blocchi di ghiaccio opere uniche.

La maggior parte delle sculture hanno come soggetto gli sport invernali, dallo sci al bob al pattinaggio sul ghiaccio, ma c’è anche un omaggio alle Olimpiadi invernali di Vancouver. Una giuria di esperti assegna il primo premio (1.500 euro!) alla migliore scultura. L’anno prossimo dovremmo partecipare anche noi, deve essere davvero divertente!

Russia, tuffi nel ghiaccio

epifania-ortodossa-470.jpg

Pe la festa dell’Epifania ortodossa che si celebra il 19 gennaio, in Russia è tradizione tuffarsi nell’acqua ghiacciata (GUARDA LE FOTO). La temperatura esterna è di -16°C. Quella interna, incalcolabile… Vi rendete conto? Ma i russi non temono le gelide temperature invernali e si sollazzano allegramente nei laghi nei dintorni di Mosca e di San Pietroburgo (GUARDA IL VIDEO).

Immergersi nelle acque gelide fa parte del rito religioso. Mi immagino si scolino anche litri di vodka prima del bagno, per sentire meno l’escursione termica. Che ne pensate? Se non ci credete, guardate il video.

Scaldaletto umani negli hotel

scaldaletto-umano-470.jpg

Per assicurare il massimo comfort agli ospiti che visitano la fredda Inghilterra in inverno, una catena di hotel ha attivato un nuovo e originale servizio: lo scaldaletto umano (GUARDA LE FOTO). Per cinque minuti qualcuno, uomo o donna in base alla richiesta del cliente, si infilerà nel vostro letto e lo riscalderà per bene, prima che voi vi ci infiliate. Il servizio è completamente gratuito. E’ come avere una gigante boule di acqua calda nel letto!

L’esperimento è partito in due strutture, a Londra e Manchester, e, se sarà apprezzato dalla clientela, non è detto che non sarà esteso a tutti gli hotel del mondo. Il progetto è assolutamente serio: infatti, è stato curato da un esperto in materia, lo psicologo Chris Idzikowski, direttore di un centro che cura i disturbi del sonno. Se ne desiderate uno, ricordatevi di prenotarlo per tempo, sta già andando a ruba!

Pinguini a spasso tra la gente

pinguini.jpg

Sarà che i pinguini mi sono davvero simpatici, però questa notizia che arriva dal Giappone mi ha fatto divertire. Nello zoo di Asahikawa, località della provincia di Hokkaido, nell’estremo nord del Paese del Sol Levante, durante l’inverno i pinguini reali sono “costretti” a una passeggiata quotidiana tra i visitatori, una specie di percorso benessere per mantenerli in forma durante i mesi invernali. (GUARDA LE FOTO)

In marcia ordinata, quasi in fila per due come a scuola, i poveri pennuti seguono un percorso tra i sentieri innevati del parco, passando in mezzo alla gente che li può vedere davvero da vicino. Quasi quasi faccio un salto in Giappone per vederli anch’io! Intanto vi lascio questo divertente video girato nel periodo natalizio in un parco coreano, con dei pinguini vestiti da Babbo Natale per far divertire i bambini e fare delle foto insieme a loro. Poveri, cosa non devono fare per per vivere…