Elicottero-hotel: vero o falso?

hotelicopter.jpg

Certo che sarebbe stata una bella idea se questo elicottero trasformato in hotel fosse esistito veramente. Negli ultimi giorni alcuni siti hanno pubblicato la notizia dell’ennesimo hotel strano, un po’ come il Jumbo Hostel, l’ostello ricavato in un aereo, e tanti altri che esistono nel mondo. Dell’Hotelicopter, così era il suo nome, si era detto che volava, che aveva 18 camere di lusso con tanto di bagno e letto matrimoniale. Tra gli accessori erano compresi anche il mini-bar, la macchina del caffè e la connessione Wi-Fi. Fin qui, niente di strano in effetti. Quando, però, gli utenti hanno letto che il volo inaugurale era previsto per il 26 giugno (sarebbe passato anche da Roma!) hanno cercato di prenotare. Ma senza esito. Ecco allora che è venuto il dubbio a tutti che fosse una bufala o un anticipo di Pesce d’aprile. Comunque ci sono cascati tutti. Io compresa. Bello scherzo!

Fabbrica della birra in aeroporto

pub-monaco.jpg

Se vi capita di fare scalo all’aeroporto di Monaco di Baviera resterete stupiti da quante cose da fare ci sono per i passeggeri in transito. Dire che c’è la Spa e il centro benessere ormai non è più una novità, dato che sono molti oggi gli aeroporti in tutto il mondo ad offrire questo servizio, come anche il casinò (c’è pure allo Schiphol di Amsterdam), la tintoria ecc. Invece, sono rimasta colpita quando ho saputo che qui c’è pure un ospedale, in grado di operare veramente, e pure un birrificio che vende birra di produzione propria! Certo, se non c’è a Monaco, patria dell’Oktoberfest, dove doveva esserci? Pensate che per noi italiani c’è persino uno Spazio Italia, dove mangiare gli spaghetti come quelli che fa la mamma. Viene proprio voglia di fare un viaggetto a Monaco solo per stare all’aeroporto. No? Chi vuol venire con me alzi la mano!

Earth Hour: luci spente il 28 marzo

erath-day-2009.jpg
Il 28 marzo dalle 20.30 alle 21.30 siamo tutti invitati a spegnere le luci per l’evento mondiale Earth Hour, l’ora della Terra. Hanno risposto all’appello del WWF anche personaggi del mondo dello sport, come il nostro simpaticissimo Francesco Totti, e dello spettacolo. L’idea è nata in Australia nel 2007. Quell’anno a Sydney oltre 2 milioni di persone hanno spento le luci di casa e dell’ufficio. L’evento ha avuto talmente tanta risonanza che nel 2008 hanno aderito 370 città in 35 Paesi per un totale di 50 milioni di persone. Per quest’anno l’obiettivo è di un miliardo di persone in 83 Paesi! Io sarò una di quelle. E tu?

Alta velocità: 3 ore Milano-Roma

berlusconi.jpg
Il viaggio inaugurale del treno ad alta velocità Frecciarossa da Milano a Roma che si è svolto ieri mi ha dato una carica incredibile. Si critica sempre l’Italia per i problemi dei trasporti, ma questo forse cambierà la nostra fama, soprattutto all’estero. Che ne pensate? Si potrà andare da una città all’altra in sole 3 ore, battendo così i tempi impiegati finora dagli aerei. Sì, perché è vero che in aereo ci si mettono solo 50 minuti, ma ora che vai a Malpensa o a Fiumicino per tempo e arrivi in centro altroché 3 ore… E poi, sentite un po’ che numeri: 300 km all’ora, 73,8 km di tratta in galleria, 1,1 km tra ponti e viadotti e 3,6 in trincea, 8 km di barriere antirumore, 140 km di nuova viabilità e 19 interventi archeologici. Peccato dovrò aspettare fino al 13 dicembre per poterlo prendere. Intanto, l’hanno sperimentato Berlusconi, con tanto di cappello da capotreno, e tanti altri politici. Noblesse oblige…

Vuoi sapere quanto pesi? Prendi l’autobus…

bus_stop.jpg

A quanto pare in Olanda sono davvero avanti in tutto. Una recente campagna pubblicitaria, realizzata dall’agenzia N=5 per Fitness First, ha trasformato le fermate degli autobus in vere e proprie bilance pubbliche. Un sensore nascosto nei sedili d’attesa rileva il peso della persona seduta e lo trasmette al pannello luminoso solitamente occupato dalle pubblicità tradizionali, visibile (molto bene) da tutti. Certo, a qualche signora in sovrappeso non piacerà, ma potrebbe anche essere uno stimolo per iscriversi in palestra…

In aereo con il rap

steward-rap.jpg
Certo che sugli aerei ne succedono di tutti i colori! Soprattutto su quelli americani… Guardate questo video. Su un volo della Southwest Airlines, lo steward David Holmes ha deciso di impartire le istruzioni di sicurezza in modo decisamente originale. Ha improvvisato un rap per spiegare ai passeggeri cosa fare in caso di emergenza. E questi, divertiti, si sono fatti coinvolgere nella gag. La Southwest purtroppo non è stata premiata tra le migliori compagnie aeree del mondo nel 2008 (vedi la classifica), ma il prossimo 1 aprile uscirà la classifica annuale. Chissà che non ci riservi qualche sorpresa?

Un motociclista coi baffi!

marcello.jpg

Ho ricevuto una mail da Marcello che mi ha scritto: “Sono un viaggiatore in moto. Attualmente ho percorso tutta l’Europa, Nord Africa, Medio Oriente ed una parte asiatica. Potete vedere buona parte sul mio sito internet”. Caspita! Ma quanti chilometri avrà fatto? E quanto tempo ci avrà messo? Da amante delle due ruote e incuriosita, sono andata subito a guardami i suoi viaggi… Pensate che ha messo online le foto dei suoi motoitinerari fin dal 1991! Ha percorso ben 800.000 km. In parte solo e in parte in dolce compagnia… Che dire? Complimenti, caro Marcello! Se vuoi portarmi con te la prossima volta, sappi che sono brava a viaggiare leggera! Mandatemi anche voi i vostri racconti di viaggio. Non vedo l’ora di leggerli.

Blogga e diventerai un pilota!

pilot.jpg

Le ragazze? I soldi? La possibilità di vedere posti meravigliosi? Spiega perché vorresti diventare pilota e AirAsia potrebbe esaudire il tuo desiderio. Non serve avere il brevetto di volo, basta iscriversi sul sito e dall’1 aprile 2009 al 15 maggio 2009 scrivere un post in cui spiegare il motivo per cui si vuole lavorare come pilota.
I dieci vincitori trascorreranno un giorno con un gruppo selezionato di piloti AirAsia (capitani, se disponibili), compreso il responsabile selezione piloti e l’head pilot della linea aerea, e potranno provare un simulatore di volo per essere preparati per un vera avventura ad alta quota.

Sicuramente una buona campagna pubblicitaria ma basta solo saper scrivere per pilotare un aereo?

Valencia e Dublino, città in festa

st_patrick.jpg

Parate, fiumi di birra e tanto divertimento a Dublino in occasione della festa di San Patrizio che ogni anno riversa nelle strade della capitale irlandese migliaia di persone tutte vestite di verde per fare baldoria. Oggi è il giorno più importante, ma i festeggiamenti proseguiranno fino al weekend.

fallas.jpg

E poi c’è Valencia, con le sue Fallas, ovvero le celebrazioni per la festa di San Giuseppe. Questa settimana, fino al 19 marzo, tutta la città è un tripudio di colori e di luci e ogni sera esplode la movida con spettacoli di artisti di strada. Celebri le sfilate con i carri allegorici che ricordano quelli del carnevale di Viareggio; quest’anno il tema è la crisi che sta coinvolgendo pesantemente anche la Spagna.

La salita più difficile del mondo

scanuppia.jpg

Ogni tanto capita di trovare dei video che fanno davvero impressione, come quello che vi propongo oggi. Si tratta di una ripresa dal vivo della Salita della Scanuppia, considerata da tutti come la più difficile d’Europa, se non del mondo. Il tratto di strada che collega Besenello a Malga Palazzo (in Trentino, poco distante da Rovereto) rappresenta una delle sfide più dure per i ciclisti: 1300 metri di dislivello lungo una strada che in poco più di 7,5 chilometri presenta pendenze fino al 45%. Nei primi 900 metri la pendenza media è del 29% e, come si può capire dal filmato, sembra di trovarsi di fronte un muro. Nel tratto intermedio la pendenza scende al 14% per poi raggiungere il 19% nel tratto finale. Il fondo è in cemento e in buone condizioni, ma l’ascesa è talmente ripida da sconsigliare l’uso di una bici da strada. Le medie di percorrenza di chi riesce ad arrivare in cima si aggirano intorno ai 3,5 km/h e la vera sfida non è tanto contro il tempo, ma contro la tentazione di appoggiare i piedi per terra.